• sabato , 23 Marzo 2019

Caro assente, che cosa ti sei perso?

 

[box] Lettera da Vicoforte agli amici che sono rimasti a casa. [/box]

di Sara Rossetti e Virginia D’Ettorre


Caro vicino di banco,

sappiamo che hai già avuto problemi seri per non venire al pellegrinaggio a Vico Forte e speriamo almeno che la tua giustificazione sia stata accettata.

Siamo sicuri non si sia certamente trattato di malattia, visita medica, motivazione familiare o qualunque altra fantasiosa scusa. Nulla di tutto questo! A pensarci bene, forse un casuale ma fortunato utilizzo del preziosissimo modulino a fine diario.

In effetti, è stato un vero trauma staccare dalla routine quotidiana: e pensare che ti abbiamo lasciato in città in mezzo al traffico, nel caos…

E tutto questo per cosa?

Figurati che, per meglio immedesimarci, ci hanno chiesto di chiudere gli occhi, tornare indietro di 500 anni e immaginarci  nella campagna, nei boschi, tra i prati. Ci mancava solo più che  chiedessero di fingere che il tempo si fermasse: quello stesso tempo che forse ti può sembrare sprecato (quanti impegni a Torino…)

E non solo abbiamo dovuto sopportare il calore del sole sdraiati su quel prato così scomodo, ma abbiamo anche dovuto subirci il fastidio del torcicollo, dovuto al troppo guardare all’insù; per carità, si trattava, oltre che della cupola ellittica più grande al mondo, di un vero splendore – così lo hanno definito.

Ma c’è toccato di peggio: una chiacchierata con quel compagno di cui ogni tanto, magari, ci si dimentica dell’esistenza.

Sembrava che la giornata volgesse finalmente al suo termine: era l’ora del pullman, dove poter di nuovo ripensare ed avvicinarsi alla tanto attesa città; e invece no: le nostre orecchie erano di nuovo tartassate da quelle squillanti musichette melensi e quei cori di gruppo che, con i loro seimila decibel, ci devastavano ulteriormente. Per fortuna almeno a questo ero preparato: I-pod mi è venuto in aiuto.

Arrivati a casa, l’ultimo step di una giornata così faticosa: lo studio arretrato. C’era da finire Dante, canto settimo dell’Inferno: niente panico, gli accidiosi li conosciamo già bene…


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Potrai visualizzare la lista dei cookies attivi e revocare il consenso collegandoti alla pagina http://ilsalice.liceovalsalice.it/cookie-policy/. Per maggiori informazioni leggi la nostra Cookie Policy.

Chiudi