• martedì , 26 settembre 2017

Sotto l’occhio dell’artista

Ai Weiwei, un mito al giorno d’oggi

Ultima settimana al Palazzo Strozzi di Firenze per l’esposizione monografica di arte contemporanea “Libero” dedicata ad un’artista rivoluzionario nel suo genere, Ai Weiwei.

La mostra celebra ed esibisce il genio ribelle dell’artista cinese, mettendo in evidenza il suo lavoro e la sua visione della realtà che è un continuo rapporto tra tradizione e modernità. Nelle sue opere il maestro gioca infatti tra antico e moderno, mettendo in luce il rapporto con il proprio paese attraverso la manipolazione di oggetti, immagini e metafore della cultura cinese, denunciando le incoerenze tra individuo e collettività nel mondo contemporaneo.

L’esposizione riunisce tutta la vita di Ai Weiwei. Dagli spazi sotterranei del Palazzo Strozzi, dove sono rappresentati fotografie, video e immagini che rimandano ai suoi inizi, la scoperta dei maestri Andy Warhol, Marcel Duchamp e Jasper Johns e la rivoluzione di internet e dei selfie. Fino al piano nobile, che ospita grandi installazioni di momenti fondamentali alla sua carriera.

L’installazione “Stacked”, composta da ben 950 biciclette, indica il mezzo di trasporto che è parte integrante della cultura cinese. In questa realizzazione Ai Weiwei vuole sottolineare due aspetti: il problema dei trasporti, molto sentito in Cina, e del suo impatto sull’ambiente, ma anche la libertà di movimento. Stacked, scollegandoci dal loro significato, allude ad un arco trionfale il quale ci introduce nella mostra.

L'installazione "Stacked", composta da ben 950 biciclette, indica il mezzo di trasporto che è parte integrante della cultura cinese. In questa realizzazione Ai Weiwei vuole sottolineare due aspetti: il problema dei trasporti, molto sentito in Cina, e del suo impatto sull'ambiente, ma anche la libertà di movimento. Stacked, scollegandoci dal loro significato, allude ad un arco trionfale il quale ci introduce nella mostra.

“Study of Perspective” è una serie di fotografie, accomunate dal suo braccio sinistro sollevato con il dito medio alzato davanti a monumenti mondiali altamente simbolici attirando l’attenzione dell’osservatore affinché metta in discussione il proprio atteggiamento nei confronti di governi, istituzioni e persino della cultura.

Study of Perspective è una serie di fotografie, accomunate dal suo braccio sinistro sollevato con il dito medio alzato, davanti a monumenti mondiali altamente simbolici attirando l'attenzione dell'osservatore affinché metta in discussione il proprio atteggiamento nei confronti di governi, istituzioni e persino della cultura.

“Selfie”. I social media, come Instagram e Twitter, assumono per l’artista una nuova forma d’arte. Affermando pure che l’arte non avrà nessun tipo futuro se non riuscirà ad adattarsi alla tecnologia e alla vita di oggi.

744E82A1-392E-4578-8AE4-01F232D33FCE

Ma l’esposizione piu stravolgente è all’esterno. La serie di gommoni di salvataggio arancioni che circondano Palazzo Strozzi sorprendono il passante. L’artista vuole scuotere le coscienze delle persone ricordando la tragedia vissuta da quanti intraprendono un viaggio disumano verso la salvezza. Le leggere imbarcazioni innestate sulla facciata rimandono alle fragili strutture a cui i rifugiati si aggrappano in mare.

2D5ED7B0-8104-41A4-9D0A-D94C77B62AB1

La mostra mette in luce il genio e la visione di un artista contemporaneo, che ha fatto della propria vita una missione. Ci mostra le lotte, gli sforzi per una battaglia che porta alla libertà di espressione. Informa la gente dei probemi che ci circondano e ne discute. Qualche volta in modo esagerato e al limite del sorprendente.

Nasce a Pechino nel 1957 da una famiglia di intellettuali. Il padre Ai Qing è uno dei maggiori poeti del secolo scorso. Diplomatosi all’Accademia del cinema, ma  insoddisfatto degli insegnamenti, si dedica alle arti figurative, diventando così uno degli artisti più dissidenti e icona della lotta per la libertà di espressione. È noto a livello globale per l’unione di attivismo politico e ricerca artistica attraverso opere strabilianti e provocatorie.1462342463-ai-weiwei