• domenica , 27 Settembre 2020

La levitazione del futuro

a-maglev-train-coming-out-pudong-international-airport-shanghai_t

Progettati per la prima volta agli inizi del ‘900 ed entrati in servizio a partire dagli anni 70’, i treni a levitazione magnetica (o più semplicemente MagLev) sono oggi il simbolo del trasporto ferroviario moderno.

ems_maglev

La tecnologia dei MagLev si basa sul principio della levitazione magnetica, grazie alla quale un oggetto rimane sospeso su di un altro oggetto senza un supporto sfruttando i fenomeni di attrazione e repulsione magnetica. Così i treni rimangono sospesi a pochi centimetri dalle rotaie utilizzando dei potenti elettromagneti che le avvolgono e generano un potente campo magnetico.

Grazie a questo metodo l’attrito tra il convoglio e i binari è assente e l’unica forza che si oppone durante il movimento è l’attrito dell’aria, permettendo così al treno di raggiungere velocità molto elevate: il MagLev giapponese L0  nel 2015 raggiunse la velocità mai raggiunta prima da un veicolo terrestre di ben 603 km/h.

An L0 series magnetic levitation (maglev) train, developed by Central Japan Railway Co. (JR Central), sits on a track ahead of a trial run at the Yamanashi Maglev Test Track site in Tsuru, Yamanashi Prefecture, Japan, on Thursday, June 4, 2015. JR Central hopes to introduce maglev train simultaneously in Japan and U.S., Honorary Chairman Yoshiyuki Kasai said after riding the Maglev train with Maryland Governor Lawrence Hogan outside Tokyo. Photographer: Kiyoshi Ota/Bloomberg

Aspetti Positivi:

  • Il raggiungimento di velocità molto elevate
  • Danneggiamento minore del convoglio e delle rotaie a causa dell’attrito
  • Rumore basso.

Aspetti Negativi:

  • Costo elevato per la costruzione delle tratte a levitazione magnetica
  • Le tratte a levitazione magnetica ad alta velocità possono essere utilizzate esclusivamente per questo compito
  • Costo elevato per l’alimentazione degli elettromagneti.

Quest’ultimo aspetto è stato spesso l’ostacolo maggiore nella decisione di costruire nuovi tratti a levitazione magnetica. Per risolvere questo problema alcuni ricercatori italiani della Scuola Universitaria Superiore Sant’Anna di Pisa stanno mettendo a punto la tecnologia “IronLev“, che permetterà di abbassare i costi della costruzione e dell’alimentazione dei MagLev. La nuova tecnologia permetterà di utilizzare i classici binari d’acciaio già esistenti e non richiederà l’uso di corrente elettrica limitandosi a sfruttare alcune proprietà del magnetismo, come le polarità opposte che si vengono a creare tra il treno e la rotaia. L’IronLev potrà essere disponibile già nel 2020 anche in Italia.

SMT_0001.0

I pionieri di questa nuova tecnologia spno stati il Giappone, la Germania, la Cina e la Corea del Sud che a partire dagli anni ’70 investirono sulla modernizzazione del trasporto ferroviario e ad oggi sempre più Paesi, tra cui l’Italia progettano nuove tratte a levitazione magnetica per incrementare il numero di linee ad alta velocità.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Potrai visualizzare la lista dei cookies attivi e revocare il consenso collegandoti alla pagina http://ilsalice.liceovalsalice.it/cookie-policy/. Per maggiori informazioni leggi la nostra Cookie Policy.

Chiudi