• venerdì , 14 Dicembre 2018

La nuova high-tech economy

Si chiama Pebble Classic. Prodotto dall’azienda Pebble Tecnology Corporation e ideato da Eric Migicovsky, è un semplice smartwatch. Come quelli prodotti da Apple, Samsung e altre grandi società. Solo due piccole caratteristiche lo rendono unico e degno di fare concorrenza a questi colossi dello sviluppi elettronico. E’ innanzitutto compatibile con i sistemi operativi più diffusi: IOS e Android. Senza dimenticare che è uno dei primi successi sul sito di Kicksarter. Nessuna multinazionale, nessun Big Data ha dato i natali all’invenzione, ma il favore e l’apprezzamento del consumatore. Il progetto è comparso per la prima volta sulla piattaforma nel 2012, accolta calorosamente con un inaspettato finanziamento di 3,7 milioni di dollari divenuti ben presto 10. La start-up ha così potuto proporre e sviluppare nuove e più economiche alternative agli altri dispositivi disponibili sul mercato. Tra le ultime novità emerge Pebble Time finanziato con 20,3 milioni.

Kicksarter è un sito americano di crowdfunding, in italiano finanziamento collettivo, una parola che negli ultimi anni si sta diffondendo in tutto il mondo. Negli ultimi anni infatti il fenomeno del crowdfunding ha permesso lo sviluppo di organizzazioni, la progettazione di oggetti, la produzione di film, dando vita a numerosi siti specializzati nella raccolta dei fondi. Kicksarter è il modello per eccellenza e il più importante sito web dedicato. Il funzionamento è semplice: l’ idea proposta viene affidata a cosiddetti bakers. Essi si occupano della raccolta dei fondi necessari ponendo un tetto minimo. Il progetto viene così proposto al pubblico che, interessato, può decidere di finanziarlo in vari modi. Se il minimo indicato viene raggiunto l’ invenzione viene realizzata e distribuita con agevolazioni ed esclusive per i contribuenti. Altrimenti la raccolta viene sospesa e abbandonata. Il tasso di successo di Kickstarter, nonostante la fama, si ferma però ad appena 39,05%. Niente può infatti contro il tasso del 67% di Ulule, sito sviluppatosi in Francia. Esso malgrado finanziamenti di minor portata offre un raffinato sistema di tutoring a sostegno dei progettisti, permettendo una vincente pianificazione della campagna di raccolta.

Navigando sulle varie piattaforme spiccano come creazioni supportate con maggior interesse in particolare oggetti di uso quotidiano, nonché videogames. Nella penisola italiana l’attenzione invece si sposta verso l’organizzazione di eventi. Tramite Ulule sono stati raggiunti e superati i 10000 Euro richiesti per Mama Africa meeting, un incontro interculturale volto al superamento dei preconcetti razzisti e della discriminazione, che si terrà nei giorni conclusivi (28-29-30) del mese di Luglio nella splendida Lunigiana.

Ma la forza coinvolgente del crowdfunding non si rivela solo come un appiglio per la scalata di innovazioni ma anche come rifugio della tradizione. E’ il caso del Balagan Cafè, uno spazio multiculturale e di incontro aperto a tutti, situato nel giardino della Sinagoga fiorentina. A un passo dalla chiusura si rivolge alla collettività che con affetto lo supporta nella speranza di poter trascorrere un’altra  estate nel proprio bar preferito. Anche se arranca ancora a diffondersi in Italia, il crowdfunding sta veramente diventando una nuova forma di economia. Che si colloca tra passato e futuro. Che non sfrutta Big Data spesso poco rappresentativi della realtà. Che non si basa sul volere di potenti amministrazioni, ma offre la possibilità direttamente al consumatore di scegliere un prodotto funzionale alle sue vere esigenze e di rendersi partecipe delle sua realizzazione e al contempo della creazione di un futuro diverso nel quale rispecchiarsi pienamente.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Potrai visualizzare la lista dei cookies attivi e revocare il consenso collegandoti alla pagina http://ilsalice.liceovalsalice.it/cookie-policy/. Per maggiori informazioni leggi la nostra Cookie Policy.

Chiudi