• mercoledì , 18 luglio 2018

Il liceo che forma: il Gruppo Europa al Parlamento

Un po’ di politica anche per gli alunni del terzo anno del liceo. Gli studenti del Gruppo Europa hanno viaggiato nel mondo delle istituzioni italiane. Tre giorni nella capitale, un giorno intero dedicato al Parlamento. Un giorno nella storia che si sta ancora scrivendo.

Da Torino a Roma passando per Firenze, il Parlamento si è spostato con la capitale. L’ 8 Febbraio i partecipanti a questa iniziativa hanno visitato prima la Camera dei Deputati poi il Senato (per via delle elezioni le Camere erano state sciolte).

Viaggiando per l’affascinante centro storico di Roma si arriva alla Colonna di Marco Aurelio e continuando per quella strada ci si ritrova davanti alla facciata barocca del palazzo di Montecitorio, sede della Camera dei Deputati. I ragazzi accompagnati dalla professoressa Scaranari e da don Oni, come imposto dalle regole del Parlamento, si sono presentati tutti con abiti eleganti.

La visita è iniziata subito dopo un controllo di sicurezza. Attraversato un corridoio si è giunti nel Transatlantico, una grande sala con la funzione di spartiacque e parlatorio. Qui è iniziata la spiegazione della trasformazione della struttura del palazzo in funzione delle sue nuove funzioni. Successivamente sono state visitate alcune stanze con opere d’arte di eccezionale valore (tra cui il dipinto di Napoleone, l’unico secondo gli studiosi della storia dell’arte, in cui il condottiero venne ritratto dal vivo) e una breve mostra: “Testimoni di civiltà“, che raccoglie reperti recuperati dall’arma dei carabinieri. Infine la Camera dei Deputati, con un breve passaggio nella Sala delle Donne. La Camera dei Deputati ha stupito tutti gli studenti con la sua bellezza, in parte nascosta durante le dirette televisive.

Dopo il pranzo il gruppo si è diretto a Palazzo Madama, sede del Senato. La visita è iniziata nel giardino: come palazzo Montecitorio questa struttura ha subito dei cambiamenti architettonici per ospitare l’Aula. Ha sorpreso più di tutte le stanze la Sala Maccari. Visitata Sala Cavour, Sala Garibaldi e la Stanza dello Struzzo, ecco l’ingresso dentro l’Aula. Tutto l’azzurro della monarchia è diventato rosso, un cambiamento che, come il passaggio alla repubblica, è servito per rendere più luminoso il luogo.

Per restare in tema politico il gruppo è andato a visitare la tomba del “Padre della Patria“, il celebre Vittorio Emanuele II che rese l’Italia una monarchia costituzionale, collocata al Pantheon.

Per concludere la giornata, prima di sedersi per studiare la meravigliosa Fontana di Trevi, tutti gli studenti si sono recati al Campidoglio e hanno visto sfrecciare davanti a loro l’auto presidenziale.

Il viaggio è terminato dopo una fugace visita ai Giardini Vaticani, alla Cappella Sistina e a San Pietro.