• venerdì , 15 Novembre 2019

Il gioco del Libro, il Salone del Mondo. Torino 2019

“Il mio corpo sulla terra, il mio spirito sulle nuvole,tutti e due dentro un libro” diceva Robert Sabatier. Così, Torino diventa cuore e anima di tutti dal 9 al 13 Maggio con il Salone Internazionale del Libro. La 32° edizione del Salone Internazionale del libro si chiama Il Gioco del Mondo, come l’omonimo romanzo dello scrittore argentino Julio Cortázar e come il tema che in 5 giorni verrà raccontato. Nel 2019 un titolo per superare giocando i confini disegnati sulle cartine e per unire continenti e culture.

Non sono mancate polemiche. Allora politica. Una fra tutti, la casa editrice Altaforte espulsa dalla fiera, perché accusata dalla folla, ma non ancora dalla giuria, di apologia del fascismo. Nel centenario dalla nascita di Primo Levi e con ospite Halina Birenbaum testimone autoptica dell’Olocausto non poteva essere presente neanche un’ombra di quel passato italiano poco virtuoso. Una decisione comprensibile quella degli organizzatori, non accettata dall’editore e dal sempre presente Salvini, ma sostenuta dal Comune di Torino e dal sindaco Appendino. Quindi in soldoni, politica.

Quest’anno la regione ospite sono le Marche a cui è quindi stato dedicato un luogo: l’omonimo Spazio Marche. La regione si è impegnata culturalmente non solo per lo sviluppo, ma anche per la rinascita dopo il sisma di tre anni fa. Una fenice che rinasce dalle sue ceneri, ma con la lettura. La capitale mondiale del libro di quest’anno eletta dall’UNESCO è Sharjah, Emirati Arabi .
E grazie a Sua Altezza Sheikh Dr. Sultan bin Muhammad Al Qasimi, presidente di Sharjah Book Authority , sono presenti a Torino traduzioni inedite di titoli italiani in lingua araba per promuovere lo scambio tra culture di una meravigliosa differenza.

Il Salone non si ferma solo a questo, nonostante un inizio che pare essere leggermente più blando, mille sono le sorprese, di più gli ospiti e maggiori ancora gli incontri da gustare. Tutto il mondo per un libro.

Dulcis in fundo, la presentazione da parte del nostro direttore e professore, Paolo Accossato del suo lavoro, il libro “All’ombra dei giganti”. Il gigante del Salice al salone del Libro.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Potrai visualizzare la lista dei cookies attivi e revocare il consenso collegandoti alla pagina http://ilsalice.liceovalsalice.it/cookie-policy/. Per maggiori informazioni leggi la nostra Cookie Policy.

Chiudi