• martedì , 22 Ottobre 2019

Diego (e) Maradona

Nelle sale italiane é da poco uscito il docufilm di Asif Kapadia su Maradona, un Maradona da lui chiamato senza sconti, geniale e autodistruttivo

É fondamentale distinguere il contrasto fra Diego e Maradona: un contrasto che mette a fuoco un ragazzino sognatore, contro l’immagine una figura pubblica contaminata da controversie e dolore.

Innegabilmente uno dei giocatori piú dotati di tutti i tempi e con oltre 300 gol nella sua carriera da calciatore, Maradona ha fatto l’impossibile prima di tutti gli altri. Da subito El Pibe de Oro (“il ragazzo d’oro”), nasce il 30 ottobre 1960 nel quartiere disagiato di Villa Fiorito, nella periferia di Buenos Aires: i piccoli spazi in cui gioca ogni giorno lo abituano a manovrare la palla in maniera magistrale. Il suo esordio in carriera nell’Argentinos Juniors, per poi proseguire nel Boca Juniors, a 15 anni mantiene la sua famiglia. Nel 1984 il Napoli lo accompagna in cima al mondo, dove la popolaritá lo distrugge sotto gli occhi della sua famiglia.

Ci si potrebbe perdere nell’elencare i centinaia di Gol segnati da Maradona, ma per la maggior parte di noi, questo non basta. Infatti gli autogol sono quelli che lo definiscono come persona: i coinvolgimenti con la Camorra, o il figlio Diego Sinagra che ha riconosciuto decenni dopo la sua nascita.

Il giorno della vittoria dello scudetto, Napoli era costellata da facce allegre e immagini di Maradona errano appese nelle camere da letto accanto a Gesú, ma il gol che Maradona fece da Argentino contro i Napoletani, lo rese uno sconosciuto per la cittá che aveva tanto amato.

Appena arrivato a Napoli, era un ragazzo autentico con le uniche voglie di: giocare a pallone e stare con la sua famiglia. Quasi cacciato dalla sua culla calcistica, rimaneva solo Maradona: il calciatore, non l’uomo. Dopo il suo ritorno Sudamericano cercó di “guarire” dalle critiche, ma i piú sensibili non l’hanno ancora scusato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Potrai visualizzare la lista dei cookies attivi e revocare il consenso collegandoti alla pagina http://ilsalice.liceovalsalice.it/cookie-policy/. Per maggiori informazioni leggi la nostra Cookie Policy.

Chiudi