• sabato , 6 Giugno 2020

Folletti, gnomi e coronavirus

Tra le Operette morali di un Giacomo Leopardi per certi versi protoecologista senza saperlo, ne esiste una, “Dialogo di un folletto e di uno gnomo“, in cui il poeta di Recanati con la sua acuta ironia annichilisce la stolida superbia dell’essere umano che si crede superiore ad ogni creatura. E allora sfrutta ogni risorsa del pianeta, conscio di una ontologica immunità da qualsivoglia punizione, partendo dal presupposto di essere immortale.

Però.

Però un giorno per un minimo movimento della Natura, per nulla percepibile e percepito, l’intera genia umana scompare dalla faccia della terra. Non si tratta di un cataclisma epocale, nessun asteroide, nessuna glaciazione, nessun sconvolgimento apocalittico. E nessuna particolare vendetta da parte di un Essere o un Entità superiore. Sta di fatto che è così. Punto e basta. E’ già avvenuto ed ancora avverrà nei meccanismi delle ere. L’uomo, così sicuro, così spavaldo, così meravigliosamente certo delle sue magnifiche sorti e progressive semplicemente non esiste più.

A quel punto un folletto ed uno gnomo escono allo scoperto dai luoghi nascosti in cui vivono e osservano quel mondo, quella terra che l’uomo ha creduto per millenni essere sua. L’essere umano non c’è più eppure, notano, il vento continua a soffiare, le montagne rimangono al loro posto, i fiumi scorrono come prima ed una miriade di specie animali sono ancora lì, a dispetto del padrone del mondo dissoltosi come neve al sole.

E allora si interrogano su quanto inutile fosse la vanagloria di chi pensava di possedere tutto ed invece non aveva alcun diritto per potere farsi signore del globo. Anche senza di lui, forse ancora meglio senza di lui, la Natura mantiene i suoi cicli, la sua perenne trasformazione. La boria di una stirpe spazzata via in meno di un battito di ciglia in relazione alla vita dell’Universo.

Senza un motivo e magari da qualcosa di straordinariamente piccolo ed impercettibile. Come una batterio o una molecola.

No, forse come un virus.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Potrai visualizzare la lista dei cookies attivi e revocare il consenso collegandoti alla pagina http://ilsalice.liceovalsalice.it/cookie-policy/. Per maggiori informazioni leggi la nostra Cookie Policy.

Chiudi