• lunedì , 5 Dicembre 2022

La storia di Torino sui tram

Il 5 Dicembre a Torino, come ogni anno dal 2006, si è disputata una parata, conosciuta anche come Trolley Festival, che ha visto impiegati in servizio speciale i tram storici di Torino e di altre città (Roma, Trieste e Bologna, a cui si aggiungeranno Milano, Napoli e Monaco di Baviera), cura dell’ATTS, Associazione Torinese Tram Storici.

Da notare, tra tutte, la motrice 116 di Torino, che proprio quest’anno festeggia i suoi 110 anni.

La 116 del 1911, qui ripresa in Piazza Vittorio (Foto: Davide De Bartolo)

Si sono poi susseguite, in tutto il loro antico splendore, le altre motrici, tra cui la 3179, che sembra una delle normali motrici della serie 3100 che circolarono dagli anni ’50 fino al 2003, ma non lo è. Questa motrice è infatti l’unico tram-teatro finora realizzato. La fiancata sinistra del tram si può infatti ribaltare, facendolo diventare un vero e proprio palcoscenico.

La 3179 in Piazza Vittorio con fiancata chiusa (Foto: Davide De Bartolo)

Anche la motrice più moderna (del 2001) non è passata inosservata agli obiettivi dei fotografi: si tratta di un tram della serie 6000 (la 6000, prima unità consegnata), come quelli che circolano sulle linee 10 e, soprattutto, 4. Però, ha una caratteristica che le motrici da 6006 fino all’ultima consegnata (6054), non hanno: è monodirezionale.

Questi veicoli, immatricolati da 6000 a 6005, possono soltanto percorrere la linea 10 e il 4 limitato fino all’anello di ritorno di Piazza Derna, perché l’allora ATM pensò ad una fornitura di tram monodirezionali. Tuttavia, subito dopo (con la decisione di prolungare il 4 da Piazza Derna fino alla Falchera), commissionò il lotto di motrici bidirezionali.

La 6000, sempre in Piazza Vittorio (Foto : Davide De Bartolo)

Dal 2001, si torna indietro nel tempo, fino al 1933, con la 2598.

Questa motrice, però, ha una storia molto particolare: negli anni ’70, insieme ad altre 3 motrici (2596, 2597 e 2599), venne trasformata, con la demolizione degli interni e la chiusura della porta centrale, in tram per il traino fino al deposito corrispondente (San Paolo) dei veicoli in avaria. Con l’avvento del nuovo millennio, cadde in disuso, sostituita da nuovi macchinari (trattori strada-rotaia). Quindi, l’ATTS decide di restaurarla e riportarla allo stato d’inizio servizio.

La 2598, anche qui in Piazza Vittorio (Foto: Davide De Bartolo)

Le motrici presenti non sono sempre appartenenti ad una serie, come ad esempio, la 3501, anche questa torinese.

La 3501 è, infatti, un prototipo nato dai resti della 3001(anch’essa prototipo per originare le 3100, bombardata nel 1943), del 1948.

Foto: Davide De Bartolo

Alla manifestazione era presente anche un tram di servizio, la motrice T427.

Questa motrice è derivata da un tram di una delle due compagnie belghe (STT e SBT) che gestivano il trasporto pubblico a Torino sin dagli anni ’90 dell’Ottocento. Fu costruita nel 1911, della serie 174-230, a cinque finestrini e poi accorpata nell’ATM negli anni Venti, nella serie 446-500.

Ormai ritirata dal servizio, negli anni Sessanta, viene modificata, insieme ad una motrice della stessa serie (la 209) e un’altra della serie 101-150 ATM (la 131, analoga alla 116), come sabbiera, e immatricolata 427, poi T427.

Resta in servizio fino alla metà degli anni Ottanta, quando viene sottoposta ad un rinnovamento strutturale.

Mentre la 209 (T426) e la 131 (T434) vengono ritirate dal servizio negli anni Novanta, la T427 presta tutt’oggi servizio.

La T427, notare il truck ancora originale del 1911 (Foto: Davide De Bartolo)

Ed ecco le motrici articolate, la 2847 e la 2759.

La 2759 fa parte di una grande famiglia di motrici, diffusesi dagli anni Trenta in avanti nelle reti tranviarie con maggiore espansione d’Italia (Milano, serie 3000, 4000 e 4100, Roma, articolate MATER, Torino, serie 2700) denominate “Due camere e cucina) per via della cassa centrale sospesa e oscillante.

La 2847, in origine immatricolata 2846. (Foto: Davide De Bartolo)

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Potrai visualizzare la lista dei cookies attivi e revocare il consenso collegandoti alla pagina http://ilsalice.liceovalsalice.it/cookie-policy/. Per maggiori informazioni leggi la nostra Cookie Policy.

Chiudi