• venerdì , 30 Ottobre 2020

Una nuova casa

Nei giorni in cui l’Umbria veniva scossa da violenti movimenti sismici, a St. Barthelemy, in Valle d’Aosta, durante una festa che ha ormai 25 anni chiamata “star party”, viene scoperto un pianeta abitabile simile alla Terra. Notizia assolutamente importante e fondamentale per il mondo astronomico, nascosta però dalla tragedia del terremoto che ovviamente merita spazio tra i quotidiani.

Kepler-186f-640

Si tratta di un pianeta roccioso che orbita attorno a “Proxima centauri”, la stella più vicina alla Terra scoperta all’inizio del ventesimo secolo dal direttore dell’ “union observatory” in Sudafrica. È anche la stella più vicina al sole e fa parte del sistema di alfa centauri, un sistema stellare triplo che si trova nella costellazione australe del Centauro, da cui il nome. Delle tre due sono chiamate Centauri A e B, considerate le principali, la terza è la “Proxima centauri”, visibile a occhio nudo, che dista quasi 2000 miliardi di chilometri dalla coppia principale.

pianeta-simile-alla-terra-3bmeteo-66092

Il pianeta scoperto è roccioso e ha una massa un po’ più grande di quella Terra e si trova 4,3 anni luce da noi. La temperatura sopra vi è tale che può scorrere acqua liquida. All’inizio del 2016 la “Proxima centauri” è stata studiata da vari telescopi del Cile che hanno il diametro di 3,6 metri presso l’osservatorio di la “Salle”. Qui hanno notato che le oscillazioni di questa stella dipendono dalla presenza di un pianeta in orbita attorno ad essa. La “Proxima b”, soprannominato Pail Red Dot, cioè piccolo punto rosso. Il colore è dovuto alla vicinanza con “Proxima centauri” che essendo rossa, riflette il suo colore ai pianeti vicini. Anglada-Escudè, noto astronomo, ha sottolineato: “Molti esopianeti sono stati trovati e molti ancora ne verranno scoperti in futuro, ma cercare il pianeta potenzialmente analogo alla Terra e poi trovarlo è stato un’esperienza indicibile per tutti noi. Il prossimo passo è la ricerca di vita su Proxima b”. Per molti potrebbe essere la migliore scommessa per la ricerca di vita aliena.  Per molti altri invece potrebbe essere una nuova casa in cui si traslocherà quando il nostro mondo sarà troppo danneggiato per ospitarci.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Potrai visualizzare la lista dei cookies attivi e revocare il consenso collegandoti alla pagina http://ilsalice.liceovalsalice.it/cookie-policy/. Per maggiori informazioni leggi la nostra Cookie Policy.

Chiudi