• mercoledì , 21 Ottobre 2020

Alla ricerca del bello

di Ludovica Veneziano

Per definizione la bellezza è la qualità capace di appagare l’animo divenendo oggetto di meritata e degna contemplazione. La si può percepire attraverso i cinque sensi, che suscitano in noi sensazioni piacevoli in riferimento ad oggetti, animali o persone.

Istantaneamente le emozioni che proviamo sono positive perché quello che stiamo osservando si avvicina al nostro canone di riferimento interiore. Quest’ultimo può essere assolutamente innato e personale, oppure, come accade più soventemente, è figlio di influenze sociali che abbiamo incontrato durante la nostra esperienza di vita.

La bellezza risulta avere così un’accezione soggettiva, in quanto i parametri che vengono utilizzati cambiano da persona a persona, anche se si tende sempre di più a ricercarla negli stereotipi che la società detta. Nasce in questo modo una ricerca spasmodica e irrefrenabile, da parte soprattutto degli adolescenti nell’ottenere maggiori feedback positivi dai propri coetanei.

Se non ci si fosse ancora accorti di questa ondata che sta travolgendo chiunque, basta aprire Instagram per capire che nelle foto i ragazzi sembrano tutti uguali: stesse pose, vestiti, capelli e persino le location si assomigliano tra di loro. Il risultato è che se non ti uniformi alla massa di persone che lo fanno, rischi di essere tagliato fuori dai canoni di bellezza odierna.

Ci si può innamorare di una foto e riconoscere che ciò che stiamo vedendo appaga i nostri sensi e ci risulta bello. Tuttavia ciò è veritiero solamente quando si tratta di oggetti, che rimangono statici anche nella realtà. Per gli animali e ancor di più per le persone, il discorso cambia perché possiamo trovare belle alcune espressioni facciali o movimenti del corpo che vengono celate nelle fotografie, non raccontando in questo modo chi siamo veramente, in quanto banalmente la bellezza risiede nell’essere vivi. Ciò che cerchiamo di nascondere, talvolta utilizzando  app che rimuovono le nostre imperfezioni e che di conseguenza riducono le nostre insicurezze a livello fisico, nella vita di tutti i giorni emergono e bisognerebbe imparare ad accettarsi e saperci convivere.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Potrai visualizzare la lista dei cookies attivi e revocare il consenso collegandoti alla pagina http://ilsalice.liceovalsalice.it/cookie-policy/. Per maggiori informazioni leggi la nostra Cookie Policy.

Chiudi