• sabato , 6 Giugno 2020

Il Novum Organum sulla bellezza

Il Salice propone tre articoli intitolati “Discorsi sulla bellezza“. Tre riflessioni e variazioni sul tema del bello da parte dei redattori. Al fondo degli articoli trovate i link agli altri due pezzi. Buona lettura!

di Cecilia Ferraris

Arte: tutto gira attorno alla bellazza

Dal Canone di Policleto alle regole della Ferragni, la bellezza umana è sempre stata idealizzata in qualunque forma di arte, scultura, fotografia e addirittura architettura, sia sufficiente pensare alle Cariatidi, colonne dal fusto antropomorfo capaci di reggere edifici interi.

Biologia: è bello ciò che evolve

D’altronde si tratta di un puro fatto evoluzionistico, per quanto infatti spesso venga da citare il detto “non è bello ciò che è bello, ma è bello ciò che piace”, l’istinto di sopravvivenza umano non si trova del tutto d’accordo: vi sono appunto alcune qualità da poter evidenziare come “fondamentali”, che la Natura stessa porta definire come belle in quanto predispongono alla scelta di un compagno con maggiore possibilità di successo evolutivo. La citazione di Darwin evolverebbe quindi non nella sopravvivenza del più adatto, ma nel rimanere in vita del più adattamente bello.

Spesso però, per non soccombere nelle dure condizioni dell’ambiente selvaggio, l’uomo si è contraddistinto per un intelletto ben sopra la media dei suoi cugini ominidi o qualunque altro animale: il successo evolutivo era, ed è tutt’oggi, quindi il risultato di un connubio tra le due bellezze, esteriore ed intellettiva.

E’ facile allora dedurre che, come esistono centinaia di trattati sulla perfezione della forma, sono stati sviluppati altrettanti capitolati sull’avvenenza intellettuale. Basti infatti citare tutte le opere filosofiche che riguardano la morale, prima fra tutte quella del filosofo per antonomasia, Socrate, il quale descrive la bellezza come ordine dell’anima, sintesi perfetta della relazione che dovrebbe esserci fra i due enti.

Etica: sopraffare non è bene, l’equilibrio è meglio

Tuttavia spesso succede che, esattamente come l’Arcangelo Ribelle, la bellezza esteriore cerchi di prevaricare quella interiore, ma l’episodio biblico sia da monito sul fatto che il Portatore di Luce sia finito per diventare una creatura spregevole, sottomessa alla beltà della Somma Sapienza, attributo divino che poco si allontana dalla bellezza della ragione.

Lucifero non fu il solo a fallare nella sua scelta, ma anche il protagonista del romanzo di Oscar Wilde, l’aristocratico Dorian Gray, antepose la sua bellezza estetica e l’eterna giovinezza ad ogni virtù morale.

Questi usurpatori di venustà sembrano aver dimenticato il principio primo della filosofia di Aristotele secondo cui ad ogni concetto è bene applicare un giusto mezzo, da cui è quindi deducibile che i piatti della bilancia dei due enti, valore dell’aspetto e quello dell’attrazione intellettiva, debbano essere in perfetto equilibrio.

Fisica: quanto massi?

Nelle generazioni delle bilance digitali questa stabilità sembra andare disperdendosi, non attribuendo il giusto peso alle facoltà dell’ingegno, ma rimanendo su un’analisi ben superficiale di un individuo.

Fortunatamente lo scienziato tra gli scienziati, Isaac Newton, insegna che, indipendentemente dalla forza di gravità a cui si è sottoposti, la massa di un individuo rimane uguale, analogia su come sia da diffondere il messaggio che lo spessore morale e l’unione tra le bellezze che ogni persona possiede non possa variare a seconda del giudizio della società, ma rimane stabile una vota che si giunge alla realizzazione della propria e fondamentale importanza proprio in virtù del fatto che si è matrimonio tra bellezze fra loro diverse e complementari.

L’ arte dell’apprezzare
Contenuto non disponibile
Consenti all'utilizzo dei cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
L’anima: la canottiera che nessuno indossa più
Contenuto non disponibile
Consenti all'utilizzo dei cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Potrai visualizzare la lista dei cookies attivi e revocare il consenso collegandoti alla pagina http://ilsalice.liceovalsalice.it/cookie-policy/. Per maggiori informazioni leggi la nostra Cookie Policy.

Chiudi