• sabato , 19 Settembre 2020

Mondo fake

di Emanuele Virginio

Il termine inglese fake news indica articoli redatti con informazioni inventate, ingannevoli o distorte, per l’appunto fake ovvero falsi, resi pubblici con il deliberato intento di disinformare o di creare scandalo attraverso i mezzi di informazione.

Questi tipi di informazioni vengono creati per svariati scopi. Il più noto è quello elettorale: si divulgano informazioni false o distorte, con l’intento di screditare un avversario politico o dirigere i voti verso determinati partiti e non verso altri, condizionando l’opinione pubblica. Attualmente è facile sfruttare famosi social network per promuovere idee politiche facendo leva su avvenimenti tratti da fonti inattendibili, che la maggior parte della gente non verifica. Un altro scopo è il guadagno: si diffondono informazioni non veritiere con un fondo di verità, ma alterate tanto da risultare false (quest’ultime sono le peggiori poiché possono apparire più convincenti al lettore). Queste informazioni spesso prendono piede facilmente, raggiungendo velocemente un grandissimo numero di contatti. Il numero di contatti unito alla pubblicità crea profitto all’ideatore della notizia falsa.

Chi crea le fake news, che lo faccia con scopi economici o politici, conta sulla nostra reazione istintiva di voler condividere una informazione che ci ha sorpreso e diventiamo così complici, senza neanche rendercene conto.

Non è tecnicamente una “fake news” una notizia falsa divulgata per errore da un agente di informazione. Sono leciti da parte di quest’ultimi errori o fraintendimenti, ma in questi casi, quando l’errore è in buona fede, la notizia viene presto smentita e rettificata. Qualora non avvenga né la smentita né la rettifica l’errore si trasforma in “fake”.

Bisogna saper distinguere tra misinformazione e disinformazione. Con la prima, intendiamo la diffusione di notizie scorrette (da quelle totalmente sbagliate, a quelle distorte) senza che ci sia da parte di colui che ha diffuso ciò la consapevolezza della loro falsità, o la volontà di danneggiare gli altri. La seconda, invece, identifica la creazione e condivisione deliberata di notizie che si sa essere false.

Dall’avvento di Internet e i Social Network le fake news sono all’ordine del giorno. È evidente che questo fenomeno abbia un enorme potenziale, chiaramente dannoso, tanto da essere usato perfino come arma efficace in politica. È importante imparare a distinguere una notizia falsa da una vera e ciò è possibile attraverso svariati modi: il più semplice e veloce è quello di andare a valutare la attendibilità della fonte e verificarne l’autore. Un altro metodo efficace è quello di andare ad approfondire l’informazione e incrociare le informazioni presenti su altre fonti, è altresì importante la verifica della data dell’informazione e il confronto con gli esperti. Alcune pagine web, quelle oneste, specificano di essere pagine satiriche, quindi si consiglia di leggere sempre con attenzione tutti i contenuti della pagina che si sta visitando. Di base è di precaria importanza capire che al giorno d’oggi è da stolti prendere per veritiero tutto ciò che leggiamo e che è sempre meglio dubitare sulla veridicità di una determinata informazione.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Potrai visualizzare la lista dei cookies attivi e revocare il consenso collegandoti alla pagina http://ilsalice.liceovalsalice.it/cookie-policy/. Per maggiori informazioni leggi la nostra Cookie Policy.

Chiudi