• lunedì , 23 Novembre 2020

Solo uomini

E l’argomento é sempre il solito: possiamo discuterne a casa, sul posto di lavoro, distesi su una spiaggia o sull’autobus, su Facebook e persino in un’aula di tribunale: omosessuali, omosessuali e famiglia, omosessuali e adozione, omosessuali e diritti. Omosessuali.

Se ne parla come se fossero i poveri martiri del secolo perseguitati dalla collettività, disgraziati discriminati per semplici inclinazioni sessuali indipendenti dalla loro volontà e sbandierate da alcuni di loro come se coincidessero con la loro stessa identità. Come se un uomo o una donna potessero essere ridotti solo a questo: un’inclinazione sessuale.

Ironico che questa riduzione dell’infinità degli aspetti che costituiscono l’identità di un essere umano sia proprio alla base del pregiudizio.
Si difendono da coloro che non vedono oltre la loro omosessualità presentandosi innanzitutto come omosessuali, e proprio questo concentrasi sul dettaglio ci fa spesso dimenticare che prima di essere omosessuali si é uomini.

Allora bisogna ridimensionare il problema, fare un passo indietro e guardare il quadro più grande.

Diritti fondamentali di ogni uomo sono dignità, libertà, uguaglianza, solidarietà, cittadinanza e giustizia. Il dovere dello stato é farsi garante dei diritti di tutti i suoi cittadini, compresi gli omosessuali.

20140626-191942-69582393.jpg

Si può essere d’accordo o meno, si può credere che sia giusto o sbagliato, ma non é diritto di nessun uomo limitare la libertà di un altro uomo, a meno che questo non abbia commesso un reato, ed essere omosessuale di certo non é un reato.

Ma la questione legata agli omosessuali deve fermarsi a questo, a garantire loro diritti pari a quelli degli eterosessuali, non superiori: l’omosessualità non li rende “diversi”, non li rende “peggiori”, non li rende “migliori”.

Alla luce di queste riflessioni allora la posizione della Chiesa potrebbe risultare troppo rigida, anacronistica, addirittura chiusa a ogni forma di dialogo. Ma non è così. Secondo le ideologie cristiane non é infatti accettabile l’unione tra due individui dello stesso sesso, perciò affermando il rifiuto dell’omosessualità- e non dell’omosessuale- la Chiesa non fa altro che essere coerente con i propri ideali, senza offendere nessuno in alcun modo, perché affermare le proprie idee non coincide col denigrare quelle altrui.

La questione legata all’omosessualità ci dimostra ancora una volta l’abilità umana di complicare le situazioni con il rifiuto del dialogo. Discutiamo tanto senza risolvere niente.

E l’argomento é sempre il solito.

20140626-192421-69861778.jpg

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Potrai visualizzare la lista dei cookies attivi e revocare il consenso collegandoti alla pagina http://ilsalice.liceovalsalice.it/cookie-policy/. Per maggiori informazioni leggi la nostra Cookie Policy.

Chiudi