• martedì , 27 Ottobre 2020

Mond(an)o

Chi si accontenta gode. È forse questa la verità più apprezzabile, il proverbio che meglio si concretizza nella realizzazione di quella felicità che è tanto idealizzata dal mondo odierno. La mondanità ci invade da una parte, dall’altra gli sforzi e i sacrifici della gente più povera sembrano lasciar intravedere quella scala chiamata vita, piena di traguardi e di incertezze che riempiono di colori l’esistenza umana.

calabria_corigliano_calabro_camping_village_thurium_12

Un mondo che si è diviso, un pianeta dove lo sfarzo e la noia assalgono la parte più ricca e dove la speranza per i meno abbienti sembra inevitabilmente crollare. Ma il successo non è una qualità innata, lo si crea, lo si plasma. La felicità evidentemente sta nelle piccole cose, e forse, alla fine, quelli svantaggiati nella vita siamo noi, che diamo tutto per scontato e che nella monotonia e nella pigrizia del giorno vaghiamo in cerca di qualcosa, senza renderci conto dello splendore che i nostri occhi , stanchi, non scorgono più. E come disse Neruda “la felicità non sta nel possedere, nel riempirsi di futili ricchezze, ma sta nell’apprezzare e nel desiderare sempre più ció che già possediamo”.

Architetture esemplari, desuete e moderne, costruite da coloro che ancora credevano e credono in qualcosa di radioso, paesaggi mozzafiato, emozioni nei piccoli gesti, negli sguardi , nei sorrisi, gioia per i più basilari obiettivi raggiunti…

ibiza spagna spiagge locali pub bar discoteche offerte koala viaggi last minute second sconti pacchetti

L’amore per il bello svanisce lentamente nei nostri cuori, corrotti da un idea di ” bello” diversa, una moda , una concorrenza , una sfida , e tramonto dopo tramonto il sole splende sempre di meno sulle nostre teste. Drasticamente coloro che credono nella vita, coloro che hanno imparato che è meglio non aspettarsi mai niente, ci stanno sostituendo, nel lavoro, nella società, e noi, sorpresi, ci lamentiamo, fermi, immobili, avidi, apatici. Abbiamo molto da apprendere da questi uomini ricchi di desiderio, poco da criticare. Serviamoci di quegli esempi che i nostri padri vollero darci, cambiamo questa generazione, cambiamo noi stessi, cambiamo il mondo, non diamoci per sconfitti.  La felicità è un traguardo da raggiungere, non un’utopia lancinante, ed essa risiede proprio all’interno delle nostre viscere, pronta ad esplodere e illuminarci la strada. Guardiamoci intorno, osserviamo ció che la solenne natura ha da offrirci , ció che noi stessi possiamo trarre dal nostro intelletto, e piangiamo, sorridiamo, emozioniamoci.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Potrai visualizzare la lista dei cookies attivi e revocare il consenso collegandoti alla pagina http://ilsalice.liceovalsalice.it/cookie-policy/. Per maggiori informazioni leggi la nostra Cookie Policy.

Chiudi