• lunedì , 26 Ottobre 2020

Tutto torna

Gli anni ’60 hanno fatto il proprio ritorno in passerella. Spensierati, ricchi di euforia, di felicità post guerre mondiali, caratterizzati dal boom economico portatore di benessere all’interno di una società messa KO dalle guerre. E’ la stessa società che, attraverso il colore, mostra la sua felicità. Abiti fantasiosi, con stampe floreali e optical che in seguito apriranno la strada alle geometrie degli anni Settanta e ai figli dei fiori.

Tendenze-capelli-autunno-inverno-2014-taglio-Twiggy

Le donne cominciano a prendersi cura di loro stesse, a seguire la moda e le sue icone di stile come Twiggy Lawson. Nascono boutiques ovunque, nuovi marchi sponsorizzano le star del cinema. Il variegato universo dello stile raccoglie gli spunti e crea tendenze così diverse tra loro da apparire contrarie al concetto stesso di moda che, dagli anni ’60 in poi, acquista una doppia valenza: non più intesa solamente come “haute couture”, da questo decennio in poi sono i giovani a creare il proprio stile e, rinnegando il passato, danno vita a look nuovi e provocatori. A partire dalle minigonne, ritornate in uso tutt’oggi.

eyeliner-tendenze-inverno-2014

Tuttavia queste non rappresentano l’unico capo che ha sfondato il secolo, anche il chiodo, i maglioni oversize e i pantaloni skinny sono tornati ad essere presenti negli armadi delle teeneger di tutto il mondo. Non solo l’abbigliamento, ma anche il makeup è tornato. Le donne che si ispiravano a Twiggy erano solite abbandonare il rossetto rosso, donando importanza e luce agli occhi che venivano contornati con una spessa riga di eyeliner e folte ciglia finte, naturalmente neri, così da costituire la vera essenza dell’epoca.

E’ possibile negare che oggi quest’ultimo non sia il makeup di tendenza? Assolutamente no. Basti osservare le celebrità in televisione, che sul red carpet oltre a sfilare con un abito colorato e succinto, mostrano un trucco all’avanguardia, che ricorda icone di stile quali Marilyn Monroe e Audrey Hepburn, la cui fama non è mai andata perduta negli anni. Costituice un flashback il cosiddetto remake. Quest’ultimo non è altro che un ricreare i film più celebri del passato, che hanno fatto la storia. Non sempre però il regista del remake si attiene al copione originale.

images

Spesso ricompone la storia in chiave prettamente umoristica. Il remake di un film costituisce in tal modo un raccordo con il passato. Un voler ripercorrere quei momenti che hanno fatto sì che un determinato arco di tempo rimanesse impresso nella memoria nei tempi futuri. Film come “Django” diretto da Sergio Corbucci, “Indovina chi viene a cena” con Katharine Hepburn, prodotti negli anni ’60 sono stati ricreati nel 2000, l’uno da Quentin Tarantino, l’altro da Rodney Sullivan. I rimake di tali film non sono stati all’altezza delle aspettative del pubblico che ha amato gli originali. D’altra parte chi mai preferisce la copia all’originale? Il falso al vero?

E’ necessario però tenere conto dell’importanza del remake, poichè esso invoglia il pubblico giovane a rispolverare quelli che erano i primi film a colori. Con questo è così possibile osservare come il passato faccia il suo ritorno, come la moda degli anni ’60 abbia  varcato il secolo rifacendo la propria comparsa nel 2014. Come la società del 2000 tenti di riprodurre ciò che in passato vi era. A partire dallo stile vintage, fino ad arrivare alla musica beat, che aggiornata e con qualche modifica, viene ad essere riascoltata. Si sta quindi assistendo a tale fenomeno del “tutto torna”.

Forse per ricordare, forse per celebrare o forse è solamente il ciclo della vita. In contrapposizione ad Eraclito che affermava “panta rei” tutto scorre: non si può discendere due volte nel medesimo fiume. L’esistenza è un continuo allontanarsi e riavvicinarsi delle cose: tutto ha un nuovo inizio. Non c’è da spaventarsi se entro il secolo prossimo le spalline, gli scaldamuscoli e tutto ciò che concerne gli anni ’80 e ’90 fa il proprio rientro. Poichè, come detto in precedenza, tutto torna.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Potrai visualizzare la lista dei cookies attivi e revocare il consenso collegandoti alla pagina http://ilsalice.liceovalsalice.it/cookie-policy/. Per maggiori informazioni leggi la nostra Cookie Policy.

Chiudi