• mercoledì , 2 Dicembre 2020

Golden Globes 2016: vincitori e vinti

Beverly Hills si é vestita d’oro.Nella notte tra il il 10 e 11 gennaio la lussuosa cittá americana ha ospitato quest anno la 73esima edizione dei Golden Globe Awards, il celebre premio ambito dai piú affermati attori e registi, non solo del cinema, ma pure delle serie tv. Negli ultimi anni infatti l’interesse verso questo mondo é cresciuto in maniera notevole favorendo lo sviluppo del piccolo schermo. Così sono nati alcuni capolavori paragonabili alle piú rinomate pellicole. Quest’anno in particolare Mad Men, Mr Robot e Mozart in the jungle hanno stupito la Hollywood Foreign Press portando a casa 5 premi in totale. Per quanto riguarda il grande schermo hanno dominato The martian di Riddley Scott e The Revenant di Alejandro Gonzalez Iñarritu. Il premio alla carriera è andato a Denzel Washington che si è emozionato sul palcoscenico insieme alla famiglia. Globo d’oro anche per l’eterno Sylvester Stallone e per Jennifer Lawrence, al suo terzo Golden Globe su quattro nomination. Orgoglio italiano per Ennio Morricone, che ha vinto il premio come miglior colonna sonora per “The hateful Eight”, film diretto da Quentin Tarantino, che descrive il maestro italiano come “il mio compositore preferito, non solo per il cinema, ma al livello di Mozart, Beethoven, Schubert”.

 

2016-01-11T022843Z_842250902_GF20000090765_RTRMADP_3_FILM-GOLDENGLOBES-540x700

Quentin Tarantino ritira il premio per Ennio Morricone (Reuters) 

Se da un lato i premi per il grande schermo sono sembrati abbastanza telefonati, le serie televisive hanno regalato grandi sorprese. In primis Mr Robot che ha sbalordito vincendo il premio come miglior serie drammatica, superando Narcos, Game of Thrones ed Empire, che sembravano essere in vantaggio sugli altri. Poi Jon Hamm, protagonista della serie Mad Man, che ha conquistato la statuetta portandosi al di sopra dello stesso Rami Malek (mr. Robot), ma anche Bob Odenkirk (better call Saul) e Liev Schreiber nella serie Ray Donovan. Ha stupito anche Mozart in the jungle, una serie musicale entusiasmante che si è portata a casa ben due statuette sia come miglior serie commedia sia come miglior attore nella stessa categoria, superando l’acclamatissimo “Orange is the new black” oltre che un irriverente Aziz Ansari (Master of none) e uno straordinario Patrick Stewart (Blunt Talk). Premiata anche Lady Gaga, alla sua prima apparizione sugli schermi, come miglior attrice in una miniserie o film per la televisione.

mrrobot-key-art

 L’irriverente locandina di mr. Robot, premiato come miglior serie drammatica

Il livello tecnico dimostrato nella competizione di quest anno é stato decisamente sopra la media. Ovviamente grande merito va dato a The Revenant, al suo cast e alla sua troupe: il film infatti é stato girato interamente utilizzando solamente luci naturali, sfruttando gli stupendi paesaggi invernali di Alaska e Canada, e andando incontro a difficoltá tecniche importanti come le temperature proibitive con picchi di -30 gradi. “Quando si tratta di budget elevato, le aspettative sono sempre altissime” – ha affermato Iñarritu al momento della premiazione – “ringrazio tuttavia il mio cast per avermi piú volte tirato fuori dai pasticci. Sappiamo che il dolore é temporaneo ma la bellezza di un film e di un premio come questo dura per sempre”. Su Di Caprio: ” Lavorare con lui é stata la migliore esperienza della mia vita”. Il film ha giá intascato 3 Globi d’oro e si ripromette di dare battaglia anche agli Oscar.

73rd Annual Golden Globe Awards - Season 73

 Il cast di Revenant dopo la vittoria come miglior film drammatico (Paul Drinkwater)

Ma il film del regista messicano non é l’unico lavoro degno di nota, soprattutto tra i film drammatici. Spiccano Carol di Toddy Haynes che racconta la storia d’amore tra due donne di diverso ceto sociale e Mad Max: fury road, che ha sorpreso tutti con la sua candidatura. Non bisogna dimenticarsi anche de “il caso Spotlight” che narra un tema caldo all’interno del mondo ecclesiastico come quello della pedofilia e “room” di Lenny Abrahamson, un film violento e inquietante che racconta la storia di una ragazza tenuta imprigionata in un bunker costruito dal padre (conosciuto come il caso Fritzl).

Non sono mancate poi le grandi interpretazioni. Piú delle trame, hanno colpito i giudici della Hollywood Foreign Press, le performance di alcuni attori come lo stesso Di Caprio impegnato nel ruolo di Hugh Glass, un cacciatore del Nord Dakota, che deve vendicare la morte del proprio figlio, in un mondo freddo violento e spietato. Altra interpretazione magistrale per Michael Fassbender nel ruolo di Steve Jobs nell’omonima pellicola che ha conquistato due altri premi. “Un ruolo” – ha spiegato lo stesso attore sul red carpet – “che mi ha cambiato nel profondo”: parole che fannoa intuire l’eccezionale studio compiuto. Fantastiche e assolutamente da vedere le interpretazioni di Bryan Cranston (famoso per il ruolo di protagonista nella serie Breaking Bad) candidato come miglior attore in una serie drammatica per il film “Trumbo”. Inoltre un ritrovato Steve Carell dopo un paio d’anni di non fantastiche interpretazioni, nel film “La grande scommessa” insieme a Christian Bale che definisce il collega rinato e tornato ai massimi livelli. Ha vinto anche Sylvester Stallone che dopo 34 anni è tornato a ricoprire il ruolo di Rocky, come allenatore del giovane figlio di Apollo Creed. Un po’ di perplessitá rimangono sulla vittoria di Matt Damon come miglior attore in un film commedia: sebbene la sua performance nel film “Sopravvisuto: the martian” non sia del tutto sbagliata, non é stata quella che ci si aspettava da un attore del suo calibro. Piú di lui avrebbero potuto essere premiati sicuramente lo stesso Carell o Mark Ruffalo per il film “Teneramente folle”.

Anche le donne si sono date battaglia. Ha vinto Brie Larson come miglior attrice in un film drammatico superando due fantastiche Cate Blanchett e Rooney Mara entrambe candidate per il film Carol. Immancabile Jennifer Lawrence che si è portata a casa il terzo Globo d’oro su 4 nominations, questa volta per la sua irreprensibile interpretazione in Joy di David O. Russel. Gloria anche per Kate Winslet come miglior attrice non protagonista in “Steve Jobs”.

 

7081610-3x2-700x467-590x394

 Brie Larson, vincitrice del premio come miglior attrice protagonista in un film drammatico per “Room”

In conclusione la serata del Beverly Hilton hotel di Beverly Hills condotta da un mai invasivo e divertentissimo Riky Gervais, ha confermato molti grandi del cinema mondiale ma ha anche sorpreso molto, rivelando nuove promesse del grande e piccolo schermo che sicuramente saranno da tenere d’occhio anche in ottica Oscar.

 

Ecco nel dettaglio tutte le nomination e, in grassetto, i vincitori per ciascuna categoria.

Miglior film drammatico

Revenant – Redivivo (The Revenant), regia di Alejandro González Iñárritu

Carol, regia di Todd Haynes

Il caso Spotlight (Spotlight), regia di Tom McCarthy

Mad Max: Fury Road, regia di George Miller

Room, regia di Lenny Abrahamson

 

Miglior film commedia o musicale

Sopravvissuto – The Martian (The Martian), regia di Ridley Scott

Un disastro di ragazza (Trainwreck), regia di Judd Apatow

▪ La grande scommessa (The Big Short), regia di Adam McKay

Joy, regia di David O. Russell

Spy, regia di Paul Feig

 

Miglior regista

Alejandro González IñárrituRevenant – Redivivo (The Revenant)

Todd HaynesCarol

Tom McCarthyIl caso Spotlight (Spotlight)

George MillerMad Max: Fury Road

Ridley ScottSopravvissuto – The Martian (The Martian)

 

Migliore attrice in un film drammatico

Brie LarsonRoom

Cate BlanchettCarol

Rooney MaraCarol

Saoirse RonanBrooklyn

Alicia VikanderThe Danish Girl

 

Miglior attore in un film drammatico

Leonardo DiCaprioRevenant – Redivivo (The Revenant)

Bryan CranstonL’ultima parola – La vera storia di Dalton Trumbo (Trumbo)

Michael FassbenderSteve Jobs

Eddie RedmayneThe Danish Girl

Will SmithZona d’ombra (Concussion)

 

Migliore attrice in un film commedia o musicale

Jennifer LawrenceJoy

Melissa McCarthySpy

Amy SchumerUn disastro di ragazza (Trainwreck)

Maggie SmithThe Lady in the Van

Lily TomlinGrandma

 

Miglior attore in un film commedia o musicale

Matt DamonSopravvissuto – The Martian (The Martian)

Christian BaleLa grande scommessa (The Big Short)

Steve CarellLa grande scommessa (The Big Short)

Al PacinoLa canzone della vita – Danny Collins (Danny Collins)

Mark RuffaloTeneramente folle (Infinitely Polar Bear)

 

Miglior film d’animazione

Inside Out, regia di Pete Docter

Anomalisa, regia di Charlie Kaufman

Shaun, vita da pecora – Il film (Shaun the Sheep Movie), regia di Mark Burton

Snoopy & Friends – Il film dei Peanuts (The Peanuts Movie), regia di Steve Martino

Il viaggio di Arlo (The Good Dinosaur), regia di Bob Peterson

 

Miglior film straniero

Il figlio di Saul (Salu fia), regia di László Nemes (Ungheria)

El club, regia di Pablo Larraín (Cile)

Dio esiste e vive a Bruxelles (Le tout nouveau testament), regia di Jaco Van Dormael (Belgio)

Miekkailija, regia di Klaus Härö (Finlandia)

Mustang, regia di Deniz Gamze Ergüven (Francia)

 

Migliore attrice non protagonista

Kate WinsletSteve Jobs

Jane FondaYouth – La giovinezza (Youth)

Jennifer Jason LeighThe Hateful Eight

Helen MirrenL’ultima parola – La vera storia di Dalton Trumbo (Trumbo)

Alicia VikanderEx Machina

 

Miglior attore non protagonista

Sylvester StalloneCreed – Nato per combattere (Creed)

Paul DanoLove & Mercy

Idris ElbaBeasts of No Nation

Mark RylanceIl ponte delle spie (Bridge of Spies)

Michael Shannon99 Homes

 

Migliore sceneggiatura

Aaron SorkinSteve Jobs

Emma DonaghueRoom

Tom McCarthy e Josh SingerIl caso Spotlight (Spotlight)

Charles Randolph e Adam McKayLa grande scommessa (The Big Short)

Quentin TarantinoThe Hateful Eight

 

Migliore colonna sonora originale

Ennio MorriconeThe Hateful Eight

Carter BurwellCarol

Alexandre DesplatThe Danish Girl

Daniel PembertonSteve Jobs

Ryūichi Sakamoto e Alva NotoRevenant – Redivivo (The Revenant)

 

Migliore canzone originale

Writing’s on the Wall (Sam Smith, Jimmy Napes) – Spectre

Love Me Like You Do (Max Martin, Savan Kotecha, Ali Payami, Tove Nilsson, Ilya Salmanzadeh) – Cinquanta sfumature di grigio

One Kind of Love (Brian Wilson, Scott Bennett) – Love & Mercy

See You Again (Justin Franks, Andrew Cedar, Charlie Puth, Wiz Khalifa) – Fast & Furious 7

▪ Simple song #3 (David Lang) – Youth – La giovinezza (Youth)

 

PREMI PER LA TELEVISIONE

 

Miglior serie drammatica

Mr. Robot

Empire

Narcos

Outlander

Il Trono di Spade (Game of Thrones)

 

Migliore attrice in una serie drammatica

Taraji P. HensonEmpire

Caitriona BalfeOutlander

Viola DavisLe regole del delitto perfetto (How to Get Away With Murder)

Eva GreenPenny Dreadful

Robin WrightHouse of Cards – Gli intrighi del potere (House of Cards)

 

Miglior attore in una serie drammatica

Jon HammMad Men

Rami MalekMr. Robot

Wagner MouraNarcos

Bob OdenkirkBetter Call Saul

Liev SchreiberRay Donovan

 

Miglior serie commedia o musicale

Mozart in the Jungle

Casual

Orange Is the New Black

Silicon Valley

Transparent

Veep – Vicepresidente incompetente (Veep)

 

Migliore attrice in una serie commedia o musicale

Rachel BloomCrazy Ex-Girlfriend

Jamie Lee CurtisScream Queens

Julia Louis-DreyfusVeep – Vicepresidente incompetente (Veep)

Gina RodriguezJane the Virgin

Lily TomlinGrace and Frankie

 

Miglior attore in una serie commedia o musicale

Gael García BernalMozart in the Jungle

Aziz AnsariMaster of None

Rob LoweThe Grinder

Patrick StewartBlunt Talk

Jeffrey TamborTransparent

 

Miglior miniserie o film per la televisione

Wolf Hall

American Crime

American Horror Story: Hotel

Fargo

Flesh and Bone

 

Migliore attrice in una mini-serie o film per la televisione

Lady GagaAmerican Horror Story: Hotel

Kirsten DunstFargo

Sarah HayFlesh and Bone

Felicity HuffmanAmerican Crime

Queen LatifahBessie

 

Miglior attore in una mini-serie o film per la televisione

Oscar IsaacShow Me a Hero

Idris ElbaLuther

David OyelowoNightingale

Mark RylanceWolf Hall

Patrick WilsonFargo

 

Migliore attrice non protagonista in una serie, mini-serie o film per la televisione

Maura TierneyThe Affair

Uzo AdubaOrange Is the New Black

Joanne FroggattDownton Abbey

Regina KingAmerican Crime

Judith LightTransparent

 

Miglior attore non protagonista in una serie, mini-serie o film per la televisione

Christian SlaterMr. Robot

Alan CummingThe Good Wife

Damian LewisWolf Hall

Ben MendelsohnBloodline

Tobias MenziesOutlander

 

GOLDEN GLOBE ALLA CARRIERA: Denzel Washington

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Potrai visualizzare la lista dei cookies attivi e revocare il consenso collegandoti alla pagina http://ilsalice.liceovalsalice.it/cookie-policy/. Per maggiori informazioni leggi la nostra Cookie Policy.

Chiudi