• mercoledì , 20 Gennaio 2021

Fenomenologia del Turista

La filosofa Hannah Arendt scriveva della “Banalità del Male”. Noi scriveremo invece della “banalità del turista della domenica” sulle piste da sci. O meglio noto con il nome di Turi.

sicurezza_sci-600x400

Come i buoni sciatori sapranno, il numero di queste mine vaganti è in costante aumento con un tasso di crescita pari a quello della temperatura media della Terra. Quest’inverno finora si è rivelato assai poco innevato ed ha costretto così le varie località montane a sparare milioni di euro di neve artificiale.

Inutilmente con l’arrivo del Turi Natalizio. Ma ecco che sorge il primo problema per il Turi: la coda. Genitori affettuosi che fino a qualche ora prima erano contro la violenza sui bambini improvvisamente attuano una bestiale metamorfosi trasformandosi in belve feroci che, in preda ad urla strazianti, vengono trascinati via da infermieri in camice bianco.

86760-p1000466

Altro problema del self made skier  è prendere lo skilift o salire sulla seggiovia, soprattutto quando una non certo sobria sciatrice inglese si ritrova in braccio in seggiovia al malcapitato compagno di viaggio tra le imprecazioni dell’impiantista”.

Ma passiamo al problema successivo: la Pista. Prevalentemente ghiacciata, è attraversata a una velocità media che farebbe impallidire un professore di fisica che calcolasse l’energia che il corpo possiede. Dalla Pista sorge un nuovo ed entusiasmante problema: la Tuta. Questa insieme agli scarponi anni  ’80 è il simbolo dell’Unione Turi Amici della Montagna (mai riunita dopo la fondazione poiché erano a casa per il freddo e il poco Sole).

incidente-sci

Ma le ombre si iniziano ad allungare e i Turi si allontano raccogliendo i pezzi. Allora tu, solo come Will Smith in “Io sono leggenda” esci dal bar per farti gli ultimi giri. Ma ecco, giunto sul piano non vedi un salto e fai uno di quei tuffi per cui dovresti entrare in squadra con Tania Cagnotto. Ti ritrovi per terra con l’omero rotto e pensi “Quasi quasi faccio il Turi. Quelli sono di ferro non si rompono mai”.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Potrai visualizzare la lista dei cookies attivi e revocare il consenso collegandoti alla pagina http://ilsalice.liceovalsalice.it/cookie-policy/. Per maggiori informazioni leggi la nostra Cookie Policy.

Chiudi