• venerdì , 23 Ottobre 2020

Come lacrime nella pioggia

di Pietro Berruto

Il 19 luglio di quest’anno si è spento l’attore Rutger Hauer a seguito di una lunga malattia. Possiamo ricordarlo in Ladyhawk, La leggenda del Santo Bevitore, Sin City e Batman Begins, anche se il film che lo ha reso l’attore di culto per cui è ricordato è l’intramontabile Blade Runner, diretto da Ridley Scott. Hauer è l’antagonista principale, il replicante Roy Batty. Roy alla fine della pellicola, al momento della sua stessa morte, salva il protagonista, che pure stava per morire a causa di una caduta, e recita il famoso monologo che inizia con: “Io ho viste cose che voi umani non potreste neanche immaginarvi”. La parte più interessante del monologo può essere la fine: “E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo, come lacrime nella pioggia. E’ tempo di morire”.

Il progetto di Roy, il più importante, era poter allungare la durata della vita di un replicante (di molto inferiore rispetto a quella di uomo) perché Roy non era riuscito a vivere come voleva. Molti uomini non riescono a vivere come vogliono, non necessariamente perché non possono in termini di mezzi, ma perché non hanno forza di volontà, non hanno voglia. Arrivati alla fine della vita gli uomini hanno la tendenza a guardare indietro con rimorso pensando a cosa avrebbero potuto fare e non hanno fatto perché non ne avevano davvero voglia o per timore di una conseguenza negativa. In una situazione del genere non si può fare altro che lamentarsi e affliggersi per un problema irrisolvibile. Roy muore non pensando a ciò. Al replicante ribelle dispiace di non poter tenere per più tempo i ricordi e le esperienze che lo hanno accompagnato, ma non si pente di avere sprecato la sua breve vita, che ha speso lottando per la sua specie.

Elimina persino l’ultimo motivo possibile di rimpianto salvando il suo nemico e donandosi una morte priva di preoccupazioni. Così gli esseri umani dovrebbero spendere la loro vita facendo le esperienze di cui hanno bisogno, che sia dichiararsi all’amata o all’amato, comprarsi quel regalo da tempo desiderato, passare più tempo con un parente o un amico. L’uomo non deve procrastinare e perdere tempo, deve vivere la vita al 100%. Speriamo che l’unico rimpianto sia che i nostri ricordi, di una vita piena, perfetta, spariscano nel tempo come lacrime nella pioggia.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Potrai visualizzare la lista dei cookies attivi e revocare il consenso collegandoti alla pagina http://ilsalice.liceovalsalice.it/cookie-policy/. Per maggiori informazioni leggi la nostra Cookie Policy.

Chiudi