• lunedì , 21 Settembre 2020

How to look international

Al giorno d’oggi è indispensabile conoscere bene almeno una lingua; per essere facilitati, è meglio iniziare da giovani!                                                                                                                                                                                                 

Quanti di voi hanno mai sentito parlare di vacanze-studio? Sì, “vacanza-studio”, questa parola che molto spesso viene malgiudicata, perché composta da quell’orribile “studio”, associato ad ore ed ore sui libri e ad una noia mortale. Ebbene, nonostante questo nome poco promettente, oggi il numero di ragazzi, liceali o meno, che si recano all’estero per periodi più o meno lunghi è notevole.

Le ragioni? Delle più svariate! I genitori hanno bisogno di occupare i figli nelle due settimane di giugno in cui ancora lavorano prima delle vacanze, gli adolescenti hanno voglia di fare nuove esperienze, i più studiosi vogliono approfondire la conoscenza dell’inglese. Ovviamente, gran parte di coloro che intraprendono questa esperienza, sono stati spinti/costretti dai genitori… e meno male!

Nel mondo attuale, dove è indispensabile essere capaci di relazionarsi con la gente di tutto il globo, e dove in ogni ambito lavorativo occorre essere “il più international possibile”, le lingue assumono un valore primario; è quindi necessario conoscere almeno una lingua straniera.

BUCKINGHAM PALACE – Una delle mete più ambite rimane l’Inghilterra, dove sono presenti molti college e università, tra cui le celebri Oxford e Cambridge.

Per poter imparare bene una lingua, occorre dedicarvisi costantemente, ma, soprattutto, vivere delle esperienze dirette, venendo a stretto contatto con persone straniere, ed abituandosi alla vita all’estero.

Quali esperienze scegliere? La più frequente è sicuramente quella di un college, perché? La risposta più frequente è «Mi sono divertito moltissimo!», sempre conclusa con«…ho parlato soprattutto italiano» . È infatti meglio una full immersion, 24 ore su 24, in una famiglia madrelingua, per poi arrivare, infine, all’esperienza trimestrale (fino ad annuale) in età più avanzata: generalmente dal triennio.

Normalmente, si parte con un’avventura collettiva in seconda/terza media, si prosegue con un’esperienza 1 to 1 (insegnante-allievo) in prima/seconda liceo, per poi finire con un bel semestre all’estero in terza/quarta liceo. Ovviamente, tra le mete vincono i Paesi anglosassoni, tra i più ricercati Inghilterra, Australia e Stati Uniti. Ultimamente, però, si aprono altri orizzonti verso la nuova, sempre più diffusa lingua del cinese: le organizzazioni che si occupano di questi viaggi iniziano a pubblicizzare nuovi centri in Cina, e sembra che attirino un gran numero di studenti… Giulia Anfossi, (IV scientifico A), è andata tre mesi a Shanghai; «Ad agosto eravamo quattro o cinque Italiani, adesso in tre se non due in tutta l’università! Ci sono principalmente Svizzeri, Tedeschi, tanti Sudamericani e Francesi: tantissimi ragazzi e ragazze! È un’esperienza magica: ti apre a tanti punti di vista diversi e ti offre tanto! L’idea del cinese me l’ha passata mia madre, e, per una come me, così appassionata delle lingue, è stata un’ottima proposta; effettivamente non è una passeggiata, però ti permette di conoscere culture diverse e sempre affascinanti! Consiglio quest’esperienza a tutti, e soprattutto non stancatevi di imparare nuove lingue, poiché credo che siano l’unico modo concreto per aprirsi al futuro

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Potrai visualizzare la lista dei cookies attivi e revocare il consenso collegandoti alla pagina http://ilsalice.liceovalsalice.it/cookie-policy/. Per maggiori informazioni leggi la nostra Cookie Policy.

Chiudi