• domenica , 20 Settembre 2020

A tu per tu con i nostri rappresentanti

[box] Intervistiamo per voi i neo-rappresentanti d’istituto del classico, appena usciti vittoriosi da un aspro agone elettorale. Grecisti e disperati, costoro saranno i vostri tribuni[/box]

 Si accendono le luci dello studio, il governo appena entrato in carica entra accolto con un’ovazione dagli spettatori in visibilio, mentre i presentatori li annunciano a gran voce al pubblico a casa.

Con fare sicuro siedono al tavolo in mezzo alla sala, e offerto il loro profilo migliore alle telecamere si preparano a rispondere alle domande del pubblico.

Si alzano timide alcune mani e si inizia:

Perché hai deciso di fare il rappresentante di istituto, sapevi a cosa andavi incontro e avevi mai fatto prima il rappresentante di classe?

Francesco Maccarone (1 classico A): “Sì, conoscevo abbastanza bene il ruolo di un rappresentante d’Istituto. Ho già una certa esperienza nel rapporto con i ragazzi perché sono al secondo anno come rappresentante di classe”.

 Laura Tasca (3 classico A): “Io non avevo mai fatto la rappresentante prima e a dire la verità non ero proprio… come dire… attirata da lavoro e responsabilità in più. E questo esclude l’ipotesi della sete di potere. Però, nonostante sia per l’ultimo anno, ho deciso di propormi lo stesso prima come rappresentante di Classe e poi per quello d’Istituto. Volevo avere la possibilità di dire e fare qualcosa in più, per la classe e per me, cambiare qualcosa, farci sentire. E pensavo anche che con il mio carattere avrei potuto farcela.

Siete sei rappresentanti d’Istituto: quattro dello Scientifico e due del Classico, come vi organizzerete?

Francesco: “Stiamo lavorando, con gli altri rappresentanti, ad una lista per le comunicazioni ai vari rappresentanti di classe, che provvederanno ad informare in caso di bisogno i singoli ragazzi”.

 Laura: “Organizzarci, effettivamente, non è la cosa più facile, sia per il tempo che per lo spazio. In questo ci aiutano anche i professori. Comunque la comunicazione tra noi dovrebbe essere un pò più serrata”.

Avete già fatto un incontro, come ti sei sentito/a?

 Francesco: “Si è sciolto il primo Consiglio d’Istituto: sono comunque contento che si sia riuscito a parlare anche delle necessità degli studenti, a partire dalle attività extracurricolari, che sono un punto di forza di Valsalice e che vogliamo organizzare al meglio”.

Laura: “I Consigli d’Istituto saranno due in tutto l’anno. Io sono stata soprattutto a guardare, cercando di capire i vari punti e come funzionava e sono persino intervenuta (sguardo fiero per lei). La parte più difficile è stata spiegare ai ragazzi ciò di cui si è parlato. Spero di esserci riuscita. Per mantenere costante l’informazione sto pensando di proporre un’ iniziativa simile a quella degli altri rappresentanti”.

Hai già idee o progetti che ti piacerebbe realizzare come rappresentante d’ istituto? Se sì, quali?

 Francesco: “Credo che in quanto rappresentante d’Istituto sia fondamentale riuscire a rendere gli studenti parte integrante della scuola e di tutto ciò che organizza. Quindi vorrei portare avanti le idee degli studenti, che mi sembrano più da coinvolgere”.

Laura: “Idee e progetti veri e propri non ne ho: non c’è stata una santa causa che mi ha fatto decidere di propormi. Ho solo la volontà di farmi sentire e di informarmi, insomma di essere aggiornata e poter far funzionare tutto nel miglior modo possibile”.

Qual è il vostro rapporto con i professori?

Francesco: “Penso di avere un buon rapporto con i docenti, come deve essere per tutti i ragazzi. I professori sono figure fondamentali nel processo educativo di ogni alunno e se un ragazzo non si sente a suo agio con un insegnante bisogna immediatamente parlare”. 

 Laura: “Beh, il prof. Cagnotto finge di spararmi e mi fa gli sgambetti, il prof. Fornero invece mi ha promesso una torta! Comunque a parte questo penso mi prendano tutti sul serio, almeno un pochettino!”.

Come ti senti rispetto a questa tua responsabilità? 

Francesco:Mi sento obbligato a ripagare la fiducia di chi mi ha voluto qui, partendo proprio dalle loro proposte e necessità, che sono da porre davanti a tutto”.

Laura: Mi sento responsabile. In realtà per me è stato difficile propormi e difficile pensarci: non ero sicura di essere all’altezza di tutti gli aspetti che riguardano fare il rappresentante, non essendo molto diplomatica. Mi manca il sangue freddo e non sono ordinata o particolarmente puntuale. Per me sarà un ulteriore modo per crescere”.

Come ti definiresti?

 Francesco: “Una persona con molta speranza nel futuro ma convinta che per renderlo migliore sia necessario essere pragmatici nel presente“.(Qualcuno si alza e grida: “Bravoooo!”)

Laura: “Nonostante la mia proverbiale mitezza e dolcezza, nonostante la mia naturale tranquillità e docilità, penso di essere in grado di gestire la situazione! Non siete d’accordo?”

Applausi scroscianti accompagnano i due leader che lasciano soddisfatti lo studio, sotto lo sguardo fiducioso del caldo popolo di Valsalice. Forza ragazzi!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Potrai visualizzare la lista dei cookies attivi e revocare il consenso collegandoti alla pagina http://ilsalice.liceovalsalice.it/cookie-policy/. Per maggiori informazioni leggi la nostra Cookie Policy.

Chiudi