• venerdì , 25 Settembre 2020

Bach protagonista assoluto il 26-11 al Lingotto

Johann Sebastian Bach (1685-1750)

 ASSOCIAZIONE LINGOTTO MUSICA

Johann Sebastian Bach

Concerto per violino in la minore BWV 1041

Concerto per violino e cembalo in la minore BWV 1060

(trascrizione di Ottavio Dantone del Concerto per due cembali BWV 1060)

Concerto per violino in mi maggiore BWV 1042

Concerto per cembalo in la minore BWV 1053

 26 novembre 2012; 20:30 – Auditorium Giovanni Agnelli, via Nizza 262/73

Accademia Bizantina

Ottavio Dantone: direttore e cembalo

Viktoria Mullova: violino


Ancora una volta l’associazione Lingotto Musica organizza uno dei concerti che sarà sicuramente tra i più affascinanti di tutta la stagione piemontese. Sia per il programma che per gli interpreti.

I concerti per violino ed orchestra di Bach sono un apice assoluto della musica barocca. Egli nel comporli guardò sicuramente ai modelli di un altro grande compositore italiano: il veneziano Antonio Vivaldi il cui virtuosismo ( soprattutto violinistico) era celebre in tutta Europa.  J.S. Bach infatti realizzò tutti i suoi concerti con una struttura a tre movimenti (Allegro; Adagio; Allegro) che fu nel Barocco la forma canonica delle opere concertistiche. La genialità di Bach fu nel saper rinnovare il linguaggio musicale  senza  slogan rivoluzionari, strappi con il passato o disprezzo per il presente, ma attraverso un costante e profondissimo studio di tutta la musica che secoli di storia gli offrivano. Senza dubbio uno dei frutti più maturi di questa fecondissima analisi furono i suoi concerti per violino e orchestra composti tra il 1717 e il 1723. Le fonti storiche ci dicono che ne scrisse una decina in tutto. Purtroppo, come un po’ per tutta l’immensa opera del compositore tedesco, ce ne sono arrivati in forma originale solo 3 e altre 2 trascrizioni per clavicembalo e orchestra che i più eminenti musicologi hanno ricostruito nella forma originale.

La prima sensazione che investe il fortunato ascoltatore di questi concerti è una pace assoluta. Non da intendersi sentimentalmente ma realmente, quando le nostre orecchie percepiscono l’armonioso succedersi di ogni nota sprigionata dal violino di Bach, ci invade impetuosamente un senso di perfetta corrispondenza con la musica ascoltata. Se poi proviamo ad impegnare per pochi istanti il nostro udito durante l’ascolto di uno qualsiasi dei concerti di Bach riusciamo facilmente a cogliere un altro degli aspetti più affascinati delle opere bachiane: ogni strumento dell’ensamble non è puro ornamento per l’accompagnamento del violino solo,  ma ogni voce contribuisce con una propria melodia a creare la perfezione armonica del concerto.  Bach grazie alle sue straordinarie capacità, concepisce ogni strumento sia come solista  sia come una delle tante parti  che creano la straordinaria unità armonica dell’orchestra

Viktoria Mullova

Ciò che però rende questo concerto imperdibile sono gli interpreti: l’accademia Bizantina diretta da Ottavio Dantone e Viktoria Mullova, una delle più grandi violiniste al mondo ed esecutrice di Bach. Artista dotata di un’incredibile versatilità (oltre che di una tecnica indiscutibilmente superba), nella sua attività discografica spazia dal modernissimo Sostakovic alle intramontabili sonate e partite di Bach passando anche dalla musica folk e quella contemporanea. E’ da notare che la Mullova possiede due violini che oggi hanno un valore incommensurabile: uno Stradivari (il nome dice tutto) e un Guadagnini, con cui abitualmente esegue Bach. 

L’Accademia Bizantina nasce a Ravenna nel 1983 .Dal 1996 Ottavio Dantone e Stefano Montanari collaborano alla gestione musicale dell’ensemble, ricoprendo rispettivamente i ruoli di direttore musicale e di primo violino concertatore. Il fine artistico dell’Accademia, come recita la loro stessa presentazione, “quello di coniugare ricerca filologica e studio della prassi esecutiva su strumenti originali, con un’attenta e rispettosa lettura della partitura, come nella più nobile tradizione cameristica italiana. Rigore e raffinatezza di Dantone, energia ed estro di Montanari, entusiasmo e complicità da parte di ogni strumentista, si fondono insieme come le tessere di un mosaico bizantino, rendendo l’Accademia uno dei più raffinati e vivaci ensemble di musica antica presenti oggi sulla scena internazionale (www.accademiabizantina.it)”.

Ottavio Dantone

Saranno loro a rendere questo concerto un evento indimenticabile per il pubblico torinese che avrà la possibilità di ascoltare uno dei più compositori attraverso l’arte dei più grandi musicisti.

Proponiamo l’ascolto del Allegro del primo concerto (BWV 1041)

Biglietteria Lingotto

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Potrai visualizzare la lista dei cookies attivi e revocare il consenso collegandoti alla pagina http://ilsalice.liceovalsalice.it/cookie-policy/. Per maggiori informazioni leggi la nostra Cookie Policy.

Chiudi