• mercoledì , 23 Settembre 2020

Pagelle 1 classico A – 4 scientifico C

1 classico A

Colombino 6.5. Graziato. Una sufficienza abbondante guadagnata con gli ultimi due “NO” ai forti tentativi di Arduino, che non permettono comunque di dimenticare la gaffe del primo tempo. Non sono ammesse giustificazioni.

Seminario 7/8. Plateale. Può permettersi anche stavolta di sfoggiare la sua tecnica, che lascia sbalorditi date le sue dimensioni. Esemplare il suo goal, costruito lasciando alle spalle quattro scientifici a suon di dribbling.

Donna 7.5. Rinvigorito. Risale dalla difficoltà con tutta la squadra e torna più in forma che mai.  Una prestazione maiuscola.

Berruto 7.5. Sicuro. La sua presenza in difesa si rivela fondamentale, recupera qualsiasi tipo di pallone. Anche le rimesse laterali.

Conte 7.25. Essenziale. Il novellino si sta integrando sempre meglio all’interno della squadra, una prestazione più che buona.

Veglio 7.25. Riscattato. Genio e sregolatezza. Sono ancora tanti gli errori a causa dell’impulsività, che, insieme al nervosismo, sembrano essere le bestie nere del capitano. Oggi ritrova la forma ed entra facilmente in partita. Riscopre il gioco di squadra e si fa perdonare.

4 scientifico C

Manzella 6.5. Equo. Così come Colombino, anche Manzella, dopo una presa (definizione forse eccessiva) troppo morbida, lascia scivolare il pallone tra le gambe di Veglio, a cui basta poco sforzo per riuscire a segnare.

Schinetti 5/6. Dubbio. Così come la sua prestazione e la sua volontà nell’aiutare la squadra.

Tang 6. Vago. L’orientamento e il senso della posizione non sono totalmente in possesso di Tang, che sembra essere spesso sperduto e disorientato

De Marchi 6. Illusorio. Sembra muoversi bene e cercare i compagni, ma poi di concreto non rimane nulla.

Stopponi 6. Adeguato. Si adatta ai suoi compagni ed esattamente come loro non si propone e nemmeno costruisce. Da rivedere, da parte di tutti, il lavoro svolto alle spalle dei due marcatori essenziali.

Arduino 6/7. Funzionale. A Caretti: sono l’accoppiata vincente. Alla vittoria: lui ed il compagno sono i due assi nella manica (e forse anche le uniche due carte) della squadra. Il tiro sul finire del secondo tempo è assolutamente da dimenticare.

Caretti 7. Determinante. E’ chiaramente l’emblema della 4C, recupera, costruisce, conclude. Sono compiti che svolge egregiamente, ma che, tuttavia, dovrebbero essere svolti dai compagni per favorire un gioco ancora migliore, per quanto possibile.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Potrai visualizzare la lista dei cookies attivi e revocare il consenso collegandoti alla pagina http://ilsalice.liceovalsalice.it/cookie-policy/. Per maggiori informazioni leggi la nostra Cookie Policy.

Chiudi