• giovedì , 22 Ottobre 2020

Pagelle 5B-3C 10-2

5 scientifico B:

Giampetruzzi sv disoccupato: i gol che subisce sono imprendibili e arrivano da distanza piuttosto ravvicinata. Per il resto, respinge con efficacia un tiro insidioso e infonde sicurezza alla difesa.

Roppolo 7 scatenato: in difesa gioca con ottima concentrazione e furia agonistica, contrastando sistematicamente ogni avversario. E’ in giornata e si spinge anche in avanti: nel primo tempo tenta (volutamente?!) il golasso da centrocampo, nella ripresa solo un eroico Voena gli nega la gioia di un bel gol.

Calosso 7,5 capitano: ha piedi da centrocampista, ma arretra al centro della difesa per il bene della squadra. Con lui a dirigere la manovra, la 5B perde davvero pochi palloni. Non smette un secondo di aiutare i compagni, anche verbalmente: l’arbitro Di Ciaula è particolarmente fiscale e la sua esperienza diventa essenziale. Non prende 8 solo perchè si permette eccessi di sicurezza che potrebbero costare cari.

Miaja V. 7 bunker: è uno dei tre pilastri difensivi e lo dimostra grazie ad una prova impeccabile. Gioca con grande sicurezza ed intelligenza, sorprendendo gli avversari con chiusure tempestive. Appoggia anche Calosso in impostazione. Una certezza.

Caruso 6,25 sotto tono: è un centrocampista di rottura che si inserisce volentieri. Partecipa al bel gioco della sua squadra, ma non valorizza il buon sinistro che si ritrova: troppo spesso è impreciso a causa dell’eccessiva frenesia quando ha la palla al piede.

Miaja G. 7 lampo: la sua bionda chioma diventa un incubo per gli avversari, quasi sempre costretti a rincorrerla invano. Corre in quantità e gioca con qualità, sulla sinistra. Corona la sua prestazione con un pregevole gol di tacco dopo una ripartenza corale della squadra.

Lazzarotto 7,5 ispirato: si muove incessantemente su tutto il fronte d’attacco e, oltre a siglare due gol, dispensa anche alcune giocate di classe. I numerosi suggerimenti per il partner Osella sono testimonianza del fruttuoso affiatamento del tandem offensivo. Giocatore perfetto per questa squadra.

Osella 7,5 travolgente: bomber di razza, il finalizzatore ideale della mole di gioco prodotta dai suoi compagni. Gonfia la rete in qualsiasi modo ed è sempre pronto a smarcarsi al momento giusto. Travolgente anche perché si macchia di diversi falli, figli della sua prorompenza fisica. Segna sei gol è non è mai sazio. UOMO PARTITA.

La gioia di Osella.

3 scientifico C:

Voena 5 “(im)proponibile”: cit. Coni, che scherza a fine partita. In realtà è assolutamente proponibile: ha coraggio nell’opporsi, deve migliorare la reattività. Purtroppo per lui, oggi, tutti gli erroracci che commette causano gol avversari. Cerca di parare con i piedi: scelta rischiosa che lo porta a scivolare su svarioni grossolani, ma anche ad una superba uscita sul lanciatissimo Calosso.

Trojan 5,75 ombra: cambia più volte ruolo alla ricerca della giusta posizione in campo. Peccato che non la trovi mai, schiacciato nella morsa del centrocampo avversario: invisibile.

Spina 6 diligente: tiene la posizione e non sbaglia tanto, ma viene inspiegabilmente sostituito. ( Da pt ’14 Mossetto 5,75 ininfluente: entra a freddo e cerca di imitare Spina: per un po’ vi riesce, ma poi crolla con tutta la squadra. Da st 10′ Cellino 6,25 intraprendente: viene buttato nella mischia nel tentativo di creare pericoli davanti, ma ormai è tardi. Comunque ci prova con carattere: forse meriterebbe di giocare dall’inizio).

Akberi 5,75 sorvolato: quando si tratta di spazzare i pericoli via terra è sempre il primo ad occuparsene. Ma se deve affrontare le palle alte e i lanci a scavalcare la difesa va in sofferenza.

Calvo 5,5 etimologico: il cognome dice tutto: la sua partita è un calvario. Nel primo tempo vaga per il prato in cerca di una posizione e non riesce a decidersi. Poi viene dirottato in difesa, dove viene asfaltato dagli indemoniati nemici.

Seita 6 patriottico: anche lui è costretto a cambiare più volte ruolo nel corso della partita, affrontata con confusione dalla sua squadra. Tuttavia è uno dei più propositivi dei suoi e non si abbatte mai.

Tanga 5,5 infreddolito: è Dicembre e il freddo si sente, soprattutto per il talentuoso Tanga. Ha piedi raffinati e segna anche, ma troppo spesso dà l’impressione di non impegnarsi a fondo. Da uno come lui ci si aspetta di più.

Coni 6,5 tenace: lotta su ogni pallone e non si arrende mai alla supremazia degli avversari. All’inizio sembra fidarsi troppo delle sue capacità, isolandosi dal gioco dei suoi compagni. Ma piano piano si prende la squadra sulle spalle e cerca di scuoterla con la sua personalità, anche se la 5B oggi concede davvero poco.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Potrai visualizzare la lista dei cookies attivi e revocare il consenso collegandoti alla pagina http://ilsalice.liceovalsalice.it/cookie-policy/. Per maggiori informazioni leggi la nostra Cookie Policy.

Chiudi