• domenica , 21 Aprile 2019

Scaletti-Varaldo, dalle origini ad oggi

[box]

Iniziamo una serie di interviste in parallelo tra i professori di Valsalice. In particolare un prof incontra un suo ex allievo ora diventato collega. La prima coppia è formata dal prof.Varaldo e dalla prof.ssa Scaletti

[/box]

La scuola è finita, le tanto attese vacanze di Natale sono finalmente arrivate e fortunatamente la profezia dei  Maya non si èavverata. Così la prof.ssa Scaletti ed il prof. Varaldo hanno gentilmente accettano di incontrarci per “un ritorno al passato“.

In attesa della professoressa, definita “ritardataria cronica” da Varaldo, acquisiamo dallo stesso informazioni generali. Correva l’anno 1998 quando, per la prima volta, il giovane Varaldo varcava la soglia di Valsalice e della terza classico A, sezione della appena maggiorenne Paola Scaletti.  Prima che si possa rivolgere qualsiasi domanda, il Prof. Varaldo desidera mostrarci come aveva sempre visto la sua “Paoletta”. Armatosi di iphone, apre you tube ed una vecchia pubblicità del Martini, la cui protagonista è la giovane Cherlize Theron, anima lo schermo.

 

Conclusosi il breve flash-back, aperta timidamente la porta, muovendosi con leggero incedere, tipico di una “dolce attesa”, la Prof.ssa Scaletti si accomoda. Il momento del faccia a faccia è arrivato.


Com’è cambiato il vostro rapporto allievo/insegnante?

V:”Non è assolutamente cambiato in nulla. Ci siamo addirittura incontrati casualmente in Sicilia nel 2005; io ero in gita scolastica, Paoletta si era appena laureata. La consideravo ormai un’amica. Mai avrei pensato che alcuni anni dopo saremmo diventati colleghi.”

S:”Non c’è stato alcun imbarazzo. Anche il passaggio dal lei al tu è stato naturale.”

Ha mai studiato materie umanistiche durante scienze?

Varaldo sembra particolarmente interessato alla risposta. Forse ritiene possibile scoprire qualcosa di cui non era al corrente. Prima che la professoressa risponda, vuole anche precisare che “Paoletta” era una studentessa modello.

S:”Durante le lezioni non ho mai studiato; talvolta durante le interrogazioni, ma chi non lo ha fatto?”

Apprendiamo che Varaldo fu membro interno a Valsalice alla maturità del ’99. Non ci tratteniamo dal chiedere come si comportò nei confronti della sua allieva

S:”Era uguale al professore di sempre. Caustico. Non sempre gentile (sussurra la Scaletti).”

Varaldo aggiunge:”…pungente, per stare svegli.”

Varaldo aveva i capelli?

S:”No, era esattamente come è adesso. I segni del tempo paiono non scalfirlo mai.”

V:”Avevo i capelli ricci e castani.” 

Varaldo, nonostante sia palesemente contraddetto dalla Scaletti, insiste nel sostenere questa sua affermazione.

La volta in cui si è più arrabbiato?

V:”Oggi è facilissimo arrabbiarsi: non esistono più l’educazione e il rispetto. Dieci anni fa, invece, era inconcepibile essere impertinenti con gli insegnanti ed i genitori non parteggiavano mai per i loro figli. La scuola è sicuramente cambiata più dei miei capelli. La classe di Paoletta era tranquilla, vi erano ovviamente ragazzi un po’ più…allegri.”

I due iniziano a dire nomi alla rinfusa di compagni, professori ed amici. La sala si riempie velocemente di ricordi e negli occhi di entrambi si possono rivivere i riflessi del loro passato. Un passato felice e spensierato a giudicare dalla piacevolezza e dalla serenità con cui ne parlano e dal sorriso che si dipinge sui loro volti.

Importanza di Scienze al liceo classico?

S:”Ritengo che sia una materia fondamentale. Aiuta a comprendere la realtà ed a porsi molte domande. Ai giorni nostri sono poche le persone che possono vantare una cultura enciclopedica. 

Varaldo non si esprime. In compenso non perde l’occasione per lanciare una piccola frecciatina al classico. 

Se tornaste indietro nel tempo. cosa chiedereste al vostro allievo/insegnante?

S:”Gli domanderei di rispiegarmi le stelle!” (siamo a Natale ed un po’ di romanticismo non guasta, ndr).

Varaldo non si esprime, o meglio: afferma di non poterlo rivelare.

Facciamo ora un piccolo salto nel passato; Scaletti interrogata:

V: Chi era Mendel?

S: Era un monaco…i piselli….gli alleli…

La Scaletti ci lascia senza parole rispondendo in modo esemplare. 

V: Parlami dell’evoluzione stellare.

S: …ci sono le supernove…belle!

V: Com’è fatta una proteina?

La Scaletti non sa molto, ma si salva adulando il professore. Sicuramente utilizzando espediente già largamente collaudati al tempo del liceo.

Invertiamo ora i ruoli. La Scaletti diventa la magistra e Varaldo il discipulus.

Varaldo si dimostra sommariamente preparato di latino, sbagliando solo l’ablativo singolare di rosa. Grazie alla propria data di nascita (1965), si ricorda facilmente quella di Dante. Dopo avergli domandato quattro figure retoriche, la Scaletti, da buona amica, aiuta il collega che, con i suggerimenti, risponde esaurientemente. 


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Potrai visualizzare la lista dei cookies attivi e revocare il consenso collegandoti alla pagina http://ilsalice.liceovalsalice.it/cookie-policy/. Per maggiori informazioni leggi la nostra Cookie Policy.

Chiudi