• sabato , 26 Settembre 2020

Concorso di poesia: Mimosa

Come ogni anno, la nostra primavera scolastica porta fiori … non “del Male” – a tali vette non ci illudiamo di ambire – diciamo piccoli fiori di campo. Di cosa stiamo parlando? Del concorso poetico che ogni anno è bandito dopo la lunghissima e noiosissima introduzione alla poesia alla quale sottopongo le mie classi. Liberamente i nostri Whitman e le nostre Achmatova si cimentano con la seguente prova: comporre un sonetto su tema libero rispettando le norme fondamentali di metrica e prosodia e inserendo almeno 10 figure retoriche a scelta.

Ci siamo detti quest’anno: “Perché non sfruttare allora le potenzialità del nuovo sito? Perché non indire un concorso 2.0?”. In fondo non me la sento di prendermi l’ardua responsabilità di giudicare da solo.

Allora leggete e giudicate i migliori prodotti dei nostri poeti in erba. Chissà che dal nostro bouquet non esca un vero fiore!

Come votare?

Basta mettere un “Mi piace” (al fondo della pagina) alla poesia che reputate migliore

Marco Fanelli

 

Mimosa

 

Dal vetro della stanza con dolore
osservo la mimosa ormai sfiorita.
Solo ieri rallegrava la vita
e il suo giallo sprigionava calore.

Penso: è proprio un fiore passeggero,
per un attimo regala luce e festa.
Ti illude, così fugge dalla testa
il tarlo che sempre riporta al vero.

Il tempo scorre, fermati a gioire
dei pochi istanti di spensieratezza.
Ti accompagni nella vita il sapere

che da un momento all’altro può accadere
di perdere per sempre la bellezza
e, come la mimosa, di appassire.

N.Roncovic

 

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Potrai visualizzare la lista dei cookies attivi e revocare il consenso collegandoti alla pagina http://ilsalice.liceovalsalice.it/cookie-policy/. Per maggiori informazioni leggi la nostra Cookie Policy.

Chiudi