• giovedì , 22 Ottobre 2020

Concorso di poesia: Silenzio

Silenzio

 

Sei stato condannato, flagellato,

Da spregevoli cuori crocifisso,

dall’ombra lunga al cuore trafitto

perché da umana mente giudicato.

 

Deserto di voci è pϊombato

Davanti a quel cereo volto, fisso

In quell’oscuro sentiero, l’abisso.

Mite agnello per noi sacrificato

 

L’uomo rinasce e le bende depone,

non s’ode morte nel vuoto sepolcro,

ma come altare nuziale esso pare

 

a chi per primo vuole arrivare.

Nessuno vede quel risveglio sacro,

beato è che grida: “Resurrezione”.

 

B.Lee

 


 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Potrai visualizzare la lista dei cookies attivi e revocare il consenso collegandoti alla pagina http://ilsalice.liceovalsalice.it/cookie-policy/. Per maggiori informazioni leggi la nostra Cookie Policy.

Chiudi