• venerdì , 25 Settembre 2020

Le idee hanno osato…e noi?

Anche quest’anno uno degli avvenimenti più attesi si è concluso: la fatidica data del 20 maggio ha segnato la fine della ventiseiesima edizione del Salone Internazionale del Libro.
Noi del Salice siamo stati presenti per cogliere la concitazione della folla, che, ormai agli sgoccioli, si apprestava ad un ultimo tuffo nell’annuale avvenimento culturale.

Tiriamo dunque le fila dell’evento: gli ingressi nella giornata di lunedì sono stati 329860 contro i 317482 dell’anno passato, segno che la partecipazione dei visitatori evolve per il meglio e non diminuisce l’afflusso dei cultori della lettura. Inoltre la crescita registrata riguardo alle vendite dimostra il sempre vivo sentimento di “appartenenza” all’originario mondo cartaceo, che nel Salone di quest’anno è sembrato entrare magicamente in commistione con la dimensione digitale.

La sempre imponente vastità dell’esposizione ha saputo conferire a tutti gli stand il giusto spazio per giostrare l’attenzione della folla a proprio vantaggio tanto da far emergere case editrici minori.
I personaggi di rilievo che hanno solcato i padiglioni del Salone non sono passati inosservati: ricordiamo tra tutti Massimo Bray, ministro per i Beni e le Attività Culturali, che giovedì 16 maggio ha presieduto la cerimonia di inaugurazione, mentre le variopinte sale conferenze hanno ospitato, alcuni nomi fra tanti, David Grossman, Luis Sepùlveda, in rappresentanza della sua terra natia, Umberto Eco, Paulo Coelho.

Sepùlveda nella sala gialla presenta il suo ultimo libro: “Ingredienti per una vita di formidabili passioni”.

 

Gli eventi proposti sono stati studiati per coinvolgere gli interessi di ognuno, anche dei più piccini: l’intero Bookstock Village era infatti pensato anche per loro, con l’intento di richiamare avventori di tutte le età.

Cinque giornate intense quelle del Salone, ricche di occasioni che sanno saputo tener alto il valore della lettura e delle emozioni da essa suscitate, con l’innovativo compromesso della tecnologia come divulgatrice di cultura. Attendiamo pertanto con ansia il prossimo Salone che, nel 2014, avrà acquistato un anno in più della sua fondamentale esistenza.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Potrai visualizzare la lista dei cookies attivi e revocare il consenso collegandoti alla pagina http://ilsalice.liceovalsalice.it/cookie-policy/. Per maggiori informazioni leggi la nostra Cookie Policy.

Chiudi