• lunedì , 30 Novembre 2020

Pagelle 1 scientifico C – 2 scientifico A 6-5

1 scientifico C – 2 scientifico A 6-5

Marcatori: pt 2′ Sala (2^A), 9′ Ceci (1^C), 24′ Sala (2^A), 30′ Carpegna (1^C); st 4′ Carpegna (1^C), 21′ Sala (2^A); pts 2′ Ercules (1^C), 4′ Carpegna (1^C); sts 1′ Ercules (1^C), 3′ aut. Ceci (2^A), 9′ Sala (2^A).

2^A: Pininfarina 6; Canavera 6.5, Novara 7, Tamburelli 6 (da st 1′ Gianetti 6); Vedelago 7 -, Povero 7, De Biasi 7; Sala 7.5.

1^C: Giarda 6.5; Ercules 7.5, Salazar 7, Marsiaj 6.5; Ceci 8; Valperga 7, Ruffino 7.5 (da st 16′ Varetti 6; da sts 3′ Roberi sv); Carpegna 9.

Arbitro: Di Ciaula.

2^ scientifico A:

Pininfarina 6 distratto: ha buone doti e lo dimostra in diverse occasioni, soprattutto a distanza ravvicinata. Ma su almeno due gol si fa cogliere di sorpresa.

Canavera 6.5 spazzaneve: la concentrazione è sempre alta e non si tira mai indietro quando c’è da spazzare il più lontano possibile i pericoli. Mantiene abbastanza sicura la sua zona.

Novara 7 monumentale: ingaggia un entusiasmante duello con Carpegna, facendo continuamente a sportellate. Impressiona per la capacità di calamitare qualsiasi pallone volante sulla sua testa. Un trascinatore nato.

Tamburelli 6 strategico: svolge il suo compito senza infamia e senza lode. Sa dimostrarsi utile, ma forse gli manca un po’ di grinta (da st 1′ Gianetti 6 alter-Tamburelli: come il compagno che sostituisce, si piazza in trincea e fa quel che può.)

Vedelago 7 – : parte fortissimo e crea molte insidie con le sue iniziative palla al piede. Sempre altruista, rischia tuttavia di farsi ingolosire dal piacere del dribbling di troppo. Si conquista un bel 7 perché quando si accende è uno spettacolo. Invece, il “meno” è dovuto al fatto che troppe volte scompare di scena.

Povero 7 colonna: il capitano prende per mano la squadra e si sbatte lì in mezzo al campo. La visione di gioco è buona, così come la fisicità (sfiora un paio di volte il gol di testa). E’ uno degli ultimi ad arrendersi. Coglie una traversa che avrebbe meritato miglior sorte per la qualità della giocata.

De Biasi 7 stakanovista: probabilmente in questo momento sta ancora correndo per il campo. Il suo galoppo è incessante, sulla fascia sinistra. Esempio di carattere e spirito di squadra: si sacrifica sempre per i suoi compagni.

Sala 7.5 ispirato: con i suoi gol tiene vive le speranze dei compagni, e non è poco. A questo merito va aggiunto quello del costante impegno nel far salire la squadra e nel proporsi senza sosta. 

1^ scientifico C:

Giarda 6.5 presente: nonostante venga freddato dopo neanche due minuti, è bravo a non scomporsi e a riacquistare la serenità giusta. Sui bei gol di Sala è praticamente incolpevole, mentre si fa trovare reattivo in molti altri frangenti.

Ercules 7.5 provvidenziale: difesa, centrocampo o attacco? Per l’intera partita è difficile individuarne la posizione, anche perché fa bene ovunque. Ciò che conta davvero sono i due gol nei supplementari.

Salazar 7 magico: quando tocca palla, lo fa in maniera intelligente, sia che debba difendere, sia che debba impostare. Muovendosi nell’ombra, sceglie sempre la posizione giusta ed è un riferimento per tutti i compagni.

Marsiaj 6.5 contraerei: la sua specialità è il colpo di testa e spesso ne fa uso con successo. Il rovescio della medaglia: non gradisce le situazioni palla a terra e traballa sempre quando viene puntato dallo sgusciante Vedelago.

Ceci 8 kaiser: come Beckenbauer, eccelle in qualsiasi ruolo. Parte dalla difesa, dove dà solidità. A centrocampo difende bene palla e combatte con furore. In fase offensiva è velenoso grazie ad un’ottima capacità di tiro. Leader silenzioso dei campioni.

Valperga 7 elegante: nel primo tempo forma una bel tandem con Carpegna, poi si spegne un po’. Giostra su tutto il fronte offensivo. Abile nell’accarezzare la palla con classe, fornisce l’assist del sorpasso a Ercules.

Ruffino 7.5 jolly: in due parole, corsa e qualità. Un mastino dai piedi buoni al servizio della squadra, pedina fondamentale dello scacchiere. Dà tutto fino a che non è costretto a lasciare il campo per problemi fisici (da st 16′ Varetti 6 sfortunato: entra nell’arena e dà il suo contributo, ma deve arrendersi a una brutta botta – per di più patita durante l’azione di un gol subito; da sts 3′ Roberi sv: partecipa alla festa finale.)

Carpegna 9 bestiale: la butta dentro tre volte e la seconda è una magia di tacco su tiro di Ceci. Lotta senza interruzione col gigante Novara e con tutta la 2^A. Generosissimo nel cercare sempre il pallone e proteggerlo a favore dei compagni o della conclusione. Simbolo della sua squadra. Senza dubbio UOMO PARTITA.

Vai al commento.

Vai all’album delle finale.

Vai all’album della stagione.

 

 

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Potrai visualizzare la lista dei cookies attivi e revocare il consenso collegandoti alla pagina http://ilsalice.liceovalsalice.it/cookie-policy/. Per maggiori informazioni leggi la nostra Cookie Policy.

Chiudi