• venerdì , 25 Settembre 2020

Un mese dai WMG: guardiamoli in faccia

1146577_155407724659864_926508628_n

Foto Marco Mattio | www.motoreacreazione.it

“Benvenuti a Torino, città olimpica”. O bentornati, dalle vacanze. Quest’anno la città non si è riposata. Ha accolto i master di tutto il mondo, li ha vestiti, equipaggiati, incoraggiati, applauditi (maglietta – zainetto – tifosi – cerimonie). Guardatevi attorno: c’è ancora qualche bandiera, c’è ancora qualche turista in giro per l’Italia (i WMG valgon ben un viaggetto), c’è soprattutto qualche matto che si allena già per la prossima edizione. I campioni dei World Master Games (over 30 o 35 a seconda delle discipline) sono professionisti dell’incastro: sveglia alle cinque, bici, lavoro, pannolini, stretching prima di cena; neofiti convertiti dal medico alla corsa, o sportivi camaleontici: sciatori d’inverno, nuotatori d’estate. O ancora genitori ex-campioni tornati in pista con i figli: ora più tattici, più maliziosi, più efficaci.

Insomma, medagliati o ultimi, i signori e le signore WMG hanno tutti la stessa faccia: il “coltello tra i denti” di chi non molla mai e gli occhi scintillanti per l’entusiasmo. Il sorriso contagioso di chi si diverte con poco e si diverte molto.

[box type=”bio”] Protagonisti[/box]

Le interviste a Roberto Re (triathlon), Andrea Lunardon (corsa) e Cristina Rasario (canottaggio – 5 medaglie) continuano sul blog di Vitalia Informa.

@luciacaretti

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Potrai visualizzare la lista dei cookies attivi e revocare il consenso collegandoti alla pagina http://ilsalice.liceovalsalice.it/cookie-policy/. Per maggiori informazioni leggi la nostra Cookie Policy.

Chiudi