• martedì , 29 Settembre 2020

ASPETTANDO (dolcemente il) NATALE

La Redazione racconta la festa di Natale: taccuino alla mano, i nostri redattori hanno lavorato anche sabato sera. Il reportage è frutto del lavoro coordinato di 15 di loro (ognuno ha descritto uno stand). Che squadra!

Ieri, sabato 14 dicembre, si è svolto il consueto appuntamento natalizio valsalicense: ASPETTANDO NATALE. Percorrendo viale Thovez non si riusciva a trovare posto per la macchina a causa della grande affluenza di allievi e genitori. Nel buio della collina torinese, spiccava la luce della casa salesiana, animata da studenti e professori, addolciti dalla magia del Natale. All’interno ed al di fuori della scuola, quasi al pari della Casa Bianca, era presente un cospicuo numero di bodyguard, dotati di auricolare e diretti dall’ineffabile Dario Battistetti. Anche quest’anno il videoCip, che vede come protagonisti i professori, ha soddisfatto le aspettative di tutti, in quanto vi è stata inserita una nuova serie, Valsachef, e sono state riprese le due precedenti di grandi successo, Valsager e Don Matteo Cagnotto. I ragazzi del triennio classico e scientifico, in seguito a grandi preparativi (molti dei quali all’ultimo minuto), hanno intrattenuto gli avventori e soddisfatto la loro golosità con i loro originali stand. Dopo un breve saluto delle autorità locali, preside e direttore, grandi e piccini hanno condiviso insieme questa meravigliosa serata in allegria, con il calore degli amici… e della cioccolata.

cornicette-natale

 I Cl. A: DOLCI A VOLONTA’

I novellini del triennio della I Cl. A, nella notte di “Aspettando natale”, ci hanno proposto un classico che non tramonta mai, sempre ben accetto da genitori, professori ed allievi: i dolci! Ricco l’assortimento di questi improvvisati “pasticceri”: in bella vista “cupcakes” a volontà, ognuno dei quali diverso dall’altro per colore e decorazioni, per passare ai “pancakes” che, con della Nutella sopra e dello sciroppo d’acero rendevano veramente magica questa serata. Per chi volesse vi erano anche biscotti, pane e Nutella e torte a volontà, dalle più semplici alle più elaborate, ma tutte sempre e comunque buonissime. Mai scelta fu più azzeccata, proprio perché già intorno alle undici i classicisti hanno dovuto iniziare a smontare lo stand, ormai razziato e saccheggiato da studenti famelici, professori insaziabili e genitori che si permettono un piccolo peccato di gola a Natale.

2013-12-14 22.07.41

I Cl. B: QUIZ CALORICO

La I Cl. B decide di prendere gli ospiti per la gola. Lo stand prevede che i concorrenti  si cimentino in un quiz: se (e solo se) la risposta sarà corretta, potranno cibarsi delle delizie preparate dalle loro mani. Torte, muffin, ma anche bevande e altri vari dolciumi: non manca proprio niente! “I dolci li abbiamo fatti noi, e sono piaciuto parecchio! Alcuni sono addirittura tornati solo per i dolci!” afferma D. Ed effettivamente, ha ragione. Nonostante la concorrenza fosse di alto livello, i neoclassicisti hanno saputo tenere testa in modo eccellente. Il frutto del loro successo? 50 bigliettoni. Non male per dei principianti.

II Cl. A: ZUCCHERO FILATO

Ore 21: la macchina inizia ad ingranare i motori e non li spegnerà per tutta la durata della festa! Lo zucchero esplode in nuvole di mille forme e colori. Talvolta i ragazzi della II Cl A perdono il controllo del dolce macchinario e l’aria si riempie di fili argentati, che rendono l’atmosfera della serata ancora più magica. Solo alle 23,30 lo stand chiude i battenti, lasciando molti ragazzi, e genitori, a bocca asciutta, o meglio… amara.
Il totale di biglietti è 87; sarebbero stati molti di più, ma gli “standisti” non hanno resistito al dolce profumo del nettare zuccheroso e hanno divorato la merce da loro proposta.

II Cl. B: KARAOKE 

Clicca qui per vedere il video dei redattori del Salice impegnati a cantare Filmato

Un successone anche per la II Cl. B. La classe, almeno apparentemente una delle più unite e collaborative, ha organizzato una gettonatissima serata-karaoke.
Ore 21,30: “La serata promette bene, per ora abbiamo 20 bigliettini. Siamo molto positivi”, queste le grandi aspettative di Filiberto, uno dei più attivi nella gestione dell’apparecchiatura tecnica.
Effettivamente, la serata procede realmente bene, a parte le facce sconcertate di vari genitori che odono alcuni striduli stonati: “La 5 scientifico B ha sbaragliato tutti con Giammi, Ele, Edo, Richi e Santo”, commentano ridendo. Mentre “certe notti” di Ligabue – che va per la maggiore – domina la prima parte della serata, più tardi la situazione si va scaldando: non poteva mancare l’attesissimo professor Fornero, che stupisce tutti scegliendo “l’autoradio” di Bosè ed esibendosi davanti a un caldo pubblico di fan, allievi e genitori.

2013-12-14 21.58.43

III Cl. A: CIOCCOLATO AL FEMMINILE

Per la prima volta nella storia di Valsalice, le allegre comari della Terza Classico A si ritrovano costrette ad allestire al gelo invernale del cortile lo stand più al femminile che ci sia e che, come ormai da consuetudine, si distingue per la sfavillante e debordante cornice di addobbi e dolciumi di ogni genere.
La parola d’ordine è cioccolato: cioccolatini a forma di topolino, spiedini di frutta e cioccolato, pandoro con cioccolato, intere torte e, last but not least, una esilarante cascata di cioccolato – new entry nella lista delle leccornie del Natale valsalicense.
A nulla sono valse le suppliche rivolte all’unisono da venticinque voci querule e supplichevoli a Stefano, il più autorevole (nonché l’unico) riferimento maschile, per l’acquisto di pellicce di zibellino a tutte le compagne: il rappresentante di classe, incurante, se ne sta abbarbicato al funghetto e, da vero gentleman, non dà segni di volersene allontanare per far posto alle infreddolite venditrici. Tuttavia, grazie alla dolcezza delle fanciulle, definite dagli avventori le più gentili in assoluto (oltre che le più disorganizzate), e alle delizie dalle stesse offerte, l’affluenza allo stand è stata notevolissima e il successo assicurato.

2013-12-14 21.53.47

III Cl. B – V Sc. C: JUST DANCE

É ormai cosa nota la grande quantità di dolciumi e prelibatezze che ogni anno si possono trovare ad “Aspettando Natale”. Niente paura, finalmente grazie alla III classico B e al suo stand, si possono smaltire le calorie in eccesso a suon di sfide danzerine.

“Mi è piaciuta l’idea di “Just Dance” – afferma una classicista -, l’ idea è di unire tutti e, se possibile, trascinare dentro anche i prof.”.

“Io sono arrivato proprio ora!”. “Cosa manca?”. “Dove sono i cavi?”. Cooperazione e spirito pronto, due ingredienti fondamentali per trattare con i nuovi mezzi digitali. All’inizio poca gente gira incuriosita, ma alla fine una folla volenterosa di divertirsi attende pazientemente il suo turno. Si sentono scommesse dal pubblico: ”Secondo me vince lei! Che ritmo!”. “Chi vince?”. “Vinco io!”.

Ecco uno stimolo ad una sana competizione ballerina.

III Sc. A: BISCOTTI STRAORDINARI

Uno stand organizzato per la maggior parte delle ragazze della classe, le quali hanno mostrato tutta la loro abilitá nel preparare i biscotti; mentre la cioccolata é stata preparata grazie ad un’apposita macchina, messa a disposizione da un’altra ragazza della stessa classe.

Dietro la decisione di preparare cioccolata e biscotti c’é stato il desiderio di tutti di esternare agli avventori il sapore del Natale della 3 Sc. A, oltre che dimostrare le abilitá della popolazione femminile della classe. Idea vincente, a quanto pare; tutti gli avventori sono rimasti contenti, complimentandosi soprattutto per i biscotti; inizialmente non c’è stato un gran flusso di clienti, ma una volta diffusasi la notizia, lo stand è stato sommerso da chi, in una serata fredda, voleva gustare un po’ di calore e dolcezza.
III Sc. B: CACCIA AL PROF.
Un pallone, 6 tiri e 19 professori da beccare. Uno stand che ha permesso di sfogare tutta la rabbia repressa degli alunni (e anche di alcuni genitori!) verso quei docenti che in classe li fanno disperare. Si dichiara la faccia da colpire prima di ogni tiro e, se la si prende, si ha una fetta di torta gratis per ogni faccia presa, con un massimo di 4 fette per ogni giocatore; e per quelli che a calcio sono un po’ imbranati si può sempre avere una fetta di una della buonissime torte sempre al prezzo di un bigliettino. Un tiro al bersaglio che ha visto coinvolti ragazzi e ragazze di tutte le età dalle medie ai genitori, a volte più accaniti dei ragazzi stessii, con tiri precisi e potentissimi, per la gioia dei ragazzi della 3 Sc. B, che dovevano continuamente correre a ricostruire la struttura di questo stand che sfidava ogni legge della fisica, o con tiri improbabili che mancavano non solo i bersagli, ma l’intero specchio della galleria, per la felicità dei poveri raccattapalle che hanno fatto i chilometri rincorrendo i palloni persi. Uno stand di grande successo che ha raccolto un totale di 118 bigliettini, tante risate e un tifo accanito da parte di tutti gli spettatori.
IMG-20131215-WA0008
III Sc. Scienze Applicate: MAGIA 
In una serata dominata da stand gastronomici di ogni genere, risalta in modo particolare quello organizzato dalla 3 S.A. che sceglie di puntare sui trucchi di magia. Appartati nella penombra di un angolo della palestra, circondati da un telo scuro che impedisce la visuale dall’esterno, tre “illusionisti”, dotati unicamente di un mazzo di carte, sfoderano i migliori trucchi del proprio repertorio per cercare di stupire adulti e ragazzi. A volte ci riescono bene, a volte meno (e in questo caso rimediano con battute simpatiche) ma l’importante è che il pubblico esca sempre divertito e convinto di aver speso bene il proprio ticket.
2013-12-14 22.02.29
IV Sc. A:  SARABANDA
E’ il nome preso dalla IV scientifico A da un programma televisivo, per identificare il loro stand alla festa “Aspettando Natale”. Lo stand era molto vicino all’ingresso, sulla sinistra, entrando nel cortile dell’Istituto. Attirava l’attenzione con le sue luci rosse e blu e con un grande scritta”Sarabanda”.  Era frequentato non solo da giovani ma anche da molti adulti, che si cimentavano in una gara di quiz musicali; il premio, nel caso di risposta esatta, era un dolce (tartufini al cioccolato, panettone, pandoro…). Tutto questo era accompagnato da musica contemporanea, che si fondeva con quella di altri stand.
IV Sc. B: DOLCE DOLCISSIMO
La classe 4 scientifico B ha proposto il classico stand con un vario assortimenti di torte e altri dolciumi. Posizionati sul fondo della palestra, lo stand è stato letteralmente preso d’assalto nella seconda parte della serata, quando lo show in teatro è finito e il pubblico si è rifugiato in palestra, al riparo dal freddo invernale. I ragazzi hanno preparato delle torte al cioccolato e alla panna, mousse di cioccolato e panna molto gustose e dei cereali ricoperti di cioccolato fondente. Inoltre alcune ragazze sono andate in giro per la palestra e il cortile per pubblicizzare la loro bancarella. Lo stand è stato molto carino ed ha avuto una buona affluenza.
2013-12-14 21.58.18
IV Sc. C: CHI VUOL ESSER MILIONARIO?
Nel tentativo di proporre un’attività originale, la 4 Sc. C, nel suo stand, ha dato un contributo alla raccolta di fondi di questo “Aspettando Natale”, preparando un innovativo quiz in stile “Chi vuol essere milionario?”. Gli alunni della classe avevano infatti a disposizione un notevole numero di domande, di vari ambiti e difficoltà, come nel gioco originale. La ricompensa, però, non consisteva in un un premio in denaro, bensì in dolciumi vari, ognuno equivalente ad una data cifra in denaro nel gioco! Vista l’originalità, questo stand ha attratto numerosi allievi, pronti a mettere alla prova gli insegnamenti ricevuti dalla scuola stessa. L’impegno da parte dei partecipanti è stato notevole, tuttavia le domande di carattere storico hanno stroncato anche le menti più eccelse! Il miglior concorrente ha fatidicamente risposto alla domanda da 150 000€, aggiudicandosi il premio più ambito: un panettone intero!
V Sc. A: VIN BRULE’
I ragazzi della 5 Sc. A, seguendo l’idea di Giovanni Marocco, hanno allestito lo stand del vin brûlé. Coloro che se ne sono occupati hanno detto di non aver mai venduto così tanti biglietti prima di quella sera. Effettivamente è stata una bella idea; ieri sera faceva freddo e un bel bicchiere di “vino caldo ” faceva parecchio piacere. Per  poterne  vincere uno, bisognava fare canestro in uno dei bicchieri disposti su un tavolo da ping-pong. Vi erano tanti genitori che aspettavano il proprio turno e altrettanti che tifavano i propri figli e quelli degli amici. Chiedendo agli invitati quale fosse lo stand che era loro piaciuto di più, la maggior parte ha risposto “vin brûlé , crêpes e zucchero filato”. Davvero una grande iniziativa che ha fatto colpo. Speriamo  che sia portata avanti dai ragazzi il prossimo Natale.
V Sc . B: CREPES A VOLONTA’
Simpatici ed esuberanti, i ragazzi della 5 Sc. B restano fedeli alla propria tradizione di  “Aspettando Natale”. Nonostante il loro modesto banchetto, hanno attirato non poca gente con le loro ottime crêpes. Sul tavolo ne dominavano una montagna, e vi era nutella a volontà! Andando sul sicuro, i nostri maturandi non si sono affatto sbagliati e anche loro, come il simpatico stand del vin brûlé e dello zucchero filato, hanno fatto successo, accumulando un elevato numero di tagliandini. Resta, come l’anno scorso, uno degli stand preferiti da genitori e ragazzi: infallibili i ragazzi della 5scB!V Sc. C :

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Potrai visualizzare la lista dei cookies attivi e revocare il consenso collegandoti alla pagina http://ilsalice.liceovalsalice.it/cookie-policy/. Per maggiori informazioni leggi la nostra Cookie Policy.

Chiudi