• mercoledì , 25 Novembre 2020

Oni e Cagnotto, dal banco alla cattedra

Indagando nel passato dei professori di Valsalice, abbiamo scoperto che i rapporti non si limitano a colleghi e nemmeno a ex professori – ex alunni, ma nel corpo docenti ci sono anche compagni di studi: il professor Oni (docente di storia e filosofia) e il professor Cagnotto (docente di matematica e fisica). Ebbene, anche loro sono stati diciassettenni, e che diciassettenni! Scopriamo dunque che cosa si nascondeva nei loro precedenti panni di adolescenti, prima che iniziassero ad aggirarsi con aria innocente e pacata per i corridoi dell’istituto.

Come vi siete conosciuti?

Cagnotto: “Entrambi andavamo a scuola a nell’Istituto Salesiano di Foglizzo, Oni era qualche anno più giovane di me. Frequentavamo il Liceo classico, ma non ricordo precisamente quale classe frequentasse lui, comunque ci siamo conosciuti studiando insieme.”

Oni: “Ci siamo conosciuti a Foglizzo, precisamente in una delle aule studio,  come quelle di Valsalice.”

 

Vi ricordate qualche episodio particolare degli anni di scuola trascorsi insieme?

Cagnotto: “Gli studenti sono sempre rimasti gli stessi nel tempo: è meglio non ricordare tutto quello che succedeva nelle ore di studio, già allora facevamo impazzire i professori.”

Oni: “Mi ricordo di Cagnotto come un ragazzo originale, scatenato, simpaticamente dispettoso, sempre pronto a scherzare.”

DSC_7643

Ardenti di curiosità, chiediamo: si ricorda un episodio in particolare?

Oni: (A stento trattiene una risata) “Ho una scena indimenticabile impressa nella memoria: un nostro compagno la domenica usciva per suonare in giro con una orchestrina e visto che un sabato pensava di avere i capelli troppo lunghi per presentarsi all’esibizione, chiese a qualcuno di tagliarli. Cagnotto si offrì come volontario, ma non era assolutamente in grado di tagliare i capelli! Il risultato? Il musicista finì per avere dei buchi di ciocche mancanti in testa e Cagnotto (il musicista era il doppio di lui!) iniziò a correre per i corridoi per evitare di essere picchiato!”

A questo punto, la domanda, che sorge spontanea, a Cagnotto: professore, che voto aveva in condotta?

“Tralasciando le piccole disavventure che fanno parte della vita di ogni studente, mi sono sempre considerato un ragazzo serio ed ineccepibile.” (Uno dei due mente, chi?, ndr)

Qual era la sua materia preferita?

Cagnotto: “A differenza di quanto si potrebbe pensare, ero di gran lunga più bravo in Latino e Greco che in Matematica. In realtà, a quei tempi l’insegnante era don Maj, celebre per la sua resistenza al freddo e mi ricordo ancora di alcune verifiche: dalla finestra, spalancata nonostante le polari temperature invernali, non era raro che mi cadessero fiocchi di neve sul banco! Sono sempre stato insofferente al freddo: d’inverno sono infatti solito andare in letargo, per poi riprendermi con la primavera. Scherzi a parte, la letteratura latina mi piaceva molto. Greco un po’ meno, a causa dei risultati delle versioni talvolta tragici.”

Ha sempre voluto fare il professore?

Cagnotto: “Assolutamente no. Negli anni di scuola avevo tutt’altre idee per la testa. Pensavo piuttosto di fare il Salesiano, sognando di essere missionario in India, in Assam, a nord-est. Mi sono successivamente reso conto che non faceva per me e ho intrapreso un percorso totalmente diverso.”

Oni: “Non pensavo assolutamente di diventare un professore. Anzi, ho sempre voluto fare il sacerdote e muovermi negli ambienti degli oratori come Salesiano. Lavorare nelle parrocchie, ad esempio, cosa che faccio tuttora. Tutto é iniziato dopo l’Università.”

Quale è stata la reazione nel ritrovarvi in sala insegnanti?

Cagnotto: “Io sono a Valsalice dal 91′, mentre lui è arrivato, se ben ricordo, nel 2001. Appena visti ci siamo salutati, contenti di poter ricordare i momenti passati anni fa.”

Oni: “Quando sono tornato nel 2001, lui era già qui. É stato un ritrovarsi: ci eravamo persi di vista, vedersi di nuovo é stato piacevole. Ci siamo salutati come due vecchi amici quali in effetti siamo. D’altronde abbiamo passato tanti momenti insieme, anche fuori dall’ambito scolastico. Ricordo bene le nostre partite a calcio: ovviamente lui picchiava, e io andavo in porta!”

 0008

Meglio essere professori o studenti?

Cagnotto: “Troppo facile: è come chiedere se è meglio essere impiccati o impiccare! Non è certo un lavoro che si fa per soldi, ma considerando le grandi soddisfazioni che sa dare, non è così faticoso. In fondo, con quale altro mestiere si ricevono le visite di ex allievi che hanno terminato la scuola da anni, con cui si è ancora in buoni rapporti?” (Durante l’ora precedente strani individui si erano intrufolati in classe spacciandosi per allievi, per poi rivelare la loro identità di ex allievi ndr).

Oni: “Meglio essere studenti.” Notando i nostri sguardi di disapprovazione, spiega: “Innanzitutto si é piu giovani, poi perché da studente devi gestire solo te stesso, mentre invece fa parte dell’essere professore il fatto di dover insegnare una materia che non sempre piace a tutti. E questo é spiacevole.”

[box]

Domande di cultura generale

Cagnotto (per usare una sua espressione) “si lancia”.

GRECO: La moglie di Agamennone? “Clitemnestra”, poi ci guarda perplesso, “Giusto?”

LATINO: La morte di Cesare? “Il giorno delle Idi di marzo del 44 a.C. Ho qualche dubbio sul giorno, 13, 14 o 15?”

STORIA: Data della rivoluzione francese? “4 Luglio 1789” (Dieci giorni più, dieci giorni meno… ma almeno mese e anno sono corretti).

MATEMATICA: Quanto vale il pi greco? (Finalmente a casa, risponde con sicurezza) “3,141: 3 cifre dopo la virgola bastano!”

FISICA Spazio fratto tempo? “Velocità” (Risponde dopo averci corretto per un’errata formulazione della domanda, fulminandoci cono lo sguardo. Ma in fondo siamo classicisti, ci perdona).

CHIMICA: Simbolo del Mercurio? “Hg”.

ARTE: Chi è l’autore del Doriforo? “Il Doriforo? Forse Prassitele?”.

 

Il professor Oni afferma di aver già risposto a tutto ciò che doveva durante i suoi esami. Non possiamo far altro che credergli sulla parola…

[/box]

 

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Potrai visualizzare la lista dei cookies attivi e revocare il consenso collegandoti alla pagina http://ilsalice.liceovalsalice.it/cookie-policy/. Per maggiori informazioni leggi la nostra Cookie Policy.

Chiudi