• lunedì , 30 Novembre 2020

Speciale Paralimpiadi: il diario di Marco Sala

[box type=”bio”] Foto di Marco Sala inviato a Sochi. Redazione a cura di Massimiliano Ronchi[/box]

[box]Nelle prossime settimane avremo l’onore di parlarvi direttamente della Paraolimpiadi, cioè i Giochi Olimpici per uomini e donne disabili. Grazie al contributo di Marco Sala, ex-redattore del Salice classe 1991 e oggi inviato a Sochi come fotografo per Nessuno Press, vi faremo vivere questo evento più da vicino. Le sue immagini, i suoi diari, le sue parole (ci invierà ogni giorno un assaggio del materiale raccolto) ci trasmetteranno la passione del suo lavoro, ma soprattutto quella degli sportivi che si mettono alla prova e cercano di superare i propri limiti. [/box]

 

Allenamento della Nazionale Italiana di Ice Sledge Hockey, 6 marzo

IMG_1659

Foto sopra: il portiere Rupert Kanestrin interviene parando il tiro di un compagno di squadra. Kanestrin, classe 1965 di Merano (BZ), ha debuttato in nazionale nel 2008. Ha subito l’amputazione dell’intera gamba destra in seguito ad un incidente in motorino.

IMG_1730

Foto sopra: è qui fotografata la squadra italiana riunita per realizzare una tattica davanti all’allenatore. Il team giovedì ha preparato la partita contro l’USA che si è giocata sabato 8 marzo alle 16.30. Esordio col botto!

IMG_1765

Foto sopra: si tratta di Andrea Chiarotti, classe 1966 nato a Torre Pellice, capitano della Nazionale nonché portabandiera della delegazione durante la Cerimonia d’Apertura dei Giochi. Nel suo palmares olimpico figurano un ottavo posto a Torino 2006 e un settimo posto a Vancouver 2010. In ambito europeo, ha vinto nel 2011 i campionati europei di Solleftea, in Svezia. Ha subito l’amputazione della gamba destra per incidente motociclistico.

IMG_1843
Foto sopra: un allenatore dà inizio alla partita tra compagni di squadra.

Cerimonia di apertura, 7 marzo

IMG_2502

Foto sopra: un momento della cerimonia d’apertura. La maestosità di questo spettacolo è resa tale dalla folla che vi è all’interno. I colori caldi, le luci, la grandezza del luogo sono la prova del fatto che anche le Paraolimpiadi sono seguite con attenzione.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Potrai visualizzare la lista dei cookies attivi e revocare il consenso collegandoti alla pagina http://ilsalice.liceovalsalice.it/cookie-policy/. Per maggiori informazioni leggi la nostra Cookie Policy.

Chiudi