• domenica , 20 Settembre 2020

Maratona Extradolce, per buongustai non a dieta

Gelati, cup –cake, gianduia, crema chantilly… non è mancato proprio nulla alla super maratona “EXTRADOLCE” di Torino. Ha attirato moltissimi cittadini desiderosi di un bella scorpacciata di dolci e incuranti di una dieta rigida.

Si è svolta sabato 21 giugno  in una perfetta giornata estiva ed ha portato i torinesi ad assaporare le tradizioni e le specialità di dieci pasticcerie e altrettante gelaterie.

aaa

La lunga e gustosa camminata è partita da Corso Stati Uniti 18, sede della Città del Gusto di Gambero Rosso alle 11.30 ed è continuata fino alla Cascina Marchesa di Corso Regina Margherita 371 dove alle 18:30 si è celebrata la premiazione del vincitore con il successivo aperitivo.

Tanto gusto ma anche tanti chilometri da percorrere a piedi o in bici. Ma nessuno vietava di spostarsi da una gelateria all’altra con auto, moto o mezzi pubblici.

Le tappe preferite sono state la famosa e rinomata pasticceria “Peyrano “in Corso Vittorio Emanuele 76 che ha offerto gli chantilly e i bicchierini di gelato al classico cioccolato o al caffè  con un’ aggiunta abbondante di panna montata. Poi la pasticceria “Andrea Monti” di Via Monferrato 5 che ha proposto la deliziosa granella Ciocco –frizz, una sorpresa per il palato!

dolci-senza-lievito-torta-al-cioccolato

Molto apprezzate anche “Stratta” in  piazza San Carlo 191 che si è fatta notare dai concorrenti creando una deliziosa e originale mise en bouche di bunet all’amaretto e la gelateria “Mondello Manifattura Gelati” in piazza Emanuele Filiberto 8 che ha reinventato il gustosissimo pasticcino siciliano con mandorla e ciliegia candita.

Ai golosi non è bastato altro che iscriversi alla competizione e andare a caccia di queste gelaterie e pasticcerie per gustarsi le prelibatezze.

Trattandosi di una competizione è stato alla fine premiato il vincitore: colui che ha saputo percorrere tutte le venti tappe senza mai essere sazio, godendosi per la prima volta nella vita una giornata all’insegna dell’arte bianca e accontentando il proprio palato (ma, sfortunatamente, non la propria linea).

Il primo classificato ha vinto due corsi di cucina amatoriali della Città del Gusto, un contapassi Garmin, un abbonamento annuale a ToBike (cosi’ da smaltire l’eccessiva quantità di dolci assunta durante la competizione) e una borsa frigo con i prodotti della Centrale del Latte.

ricetta-il-bonet-alla-piemontese_2194f7ae864c2e77fbad6ed71cdf9c60

È stato doveroso anche premiare il più giovane e il più anziano dei concorrenti. Per il primo uno zaino sportivo mentre per il secondo un paio di occhiali da sole, entrambi offerti da Jolly Sport.

Anche in questo caso non è mancato l’utilizzo del web . Si sono fatti sentire e notare i duemila “gastrofanatici”, sostenitori dell’organizzatrice della competizione Gambero Rosso che hanno postato su Instagram e gli altri social network le fotografie di questa golosissima maratona, documentando i momenti più gustosi e deliziosi della giornata.

È stato un momento adatto per riunire i torinesi e richiamarli  alla storia e alla tradizione  dell’arte bianca ma contemporaneamente rendendoli partecipi dell’evoluzione e dell’innovazione.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Potrai visualizzare la lista dei cookies attivi e revocare il consenso collegandoti alla pagina http://ilsalice.liceovalsalice.it/cookie-policy/. Per maggiori informazioni leggi la nostra Cookie Policy.

Chiudi