• domenica , 20 Settembre 2020

3 Classico AB – 4 Scientifico B 5-1

Tempo uggioso. Prima sfida del girone per gli ex-campioni del torneo contro gli scientifici. Il risultato parla chiaro: 5-1 (anche se la 4 B mancava degli uomini migliori).

Arbitro: Antonio Varaldo.

Marcatori: Robba, Robba (IIIclassico A),  Seminario (III classico A), Panico, Panico (III classico A), Bolonotto (IV scientifico B).

Ammonizioni: Seminario.

Espulsioni: nessuno.

20141007_152106

3 CLASSICO A

Tommaso Conti 7.5: esperto. Quando viene chiamato in causa dalla difesa non si fa mai trovare impreparato. Reattivo, è autore di una splendida parata verso la fine del secondo tempo. Dirige il tridente difensivo quanto basta, bloccando così pericolose incursioni.

Berruto 7/8: svettante. Con la sua altezza da 1.96 cm si fa beffa degli attaccanti avversari. Per lui i lanci lunghi non sono un problema… basta alzarsi sulle punte per colpire il pallone. Quando gli scientifici la passano rasoterra, allunga la gamba e tutto svanisce.

Manetti 7+: energico. Da buona ala difensiva non delude. Di qui non si passa: questo è il suo motto. Agile, evita patemi eccessivi al portiere. Cartosio 7+: concreto. Entra nel secondo tempo e si propone, da subito, in avanti. I contrasti secchi sono il suo forte e dopo poco gli avversari lo capiscono: davvero ottima gara.

Molinatti 7.5: coraggioso. Altissima percentuale di passaggi giusti. Sa mantenere la posizione e quando si accorge del pericolo non esita a metterla fuori prudentemente: una “new entry”  di cui ci si può fidare.

Panico 8: speedy gonzalez. “Fermatelo vi prego!!” Si insinua tra le linee nemiche sbracciandosi per ricevere palla. Quando trova l’occasione non ci pensa un attimo e tira gonfiando la rete per ben due volte. Gestisce bene anche  la fase difensiva: vince ogni contrasto.

Conte 7/8: pitbull. Il suo stile ricorda Claudio Marchiso. Prova spesso il tiro dalla lunga distanza sfiorando più volte il palo. Molto sicuro con i piedi appoggia ai compagni per poi scattare in avanti. Imprevedibiltà e grinta sono certamente le sue armi migliori: centrocampista fondamentale.

Seminario 7/8 giocoliere. Insieme a Robba forma l’attacco della squadra. Il dribbling non gli manca e si diverte a spaesare gli avversari. Con i suoi lanci lunghi fa correre i terzini scavalcando in un sol colpo la difesa avversaria. Autore di una punizione sotto l’incrocio, si fa rispettare e temere.

Robba 8+: cecchino. Apre le danze con una cannonata sotto il sette infrangendo in una manciata di minuti il sogno dello Scientifico. Con un sublime controllo di palla e un’ottima rapidità di gambe è una vera spina nel fianco per chi gli si oppone. Crea superiorità numerica e appena si apre un varco… tira.

10723084_705440849538622_1187644313_n

4 SCIENTIFICO B

Bergamasco 6,5: incolpevole. Sostituto di Beatrice, salva la reputazione in più di un occasione. Compie una bella uscita che toglie la gioia della doppietta a Seminario: bene così.

Gotta 6.5: pendolino. Non risparmia fiato e si invola sulla fascia… anche se gli avversari stanno attenti ad intercettarlo. Tanto cuore e una gara discreta… ma dovrebbe entrare un po’ più deciso nei contrasti.

Santhià 6/7: perno. Fa girare bene la difesa avvalendosi del suo fisico. Dotato anche di un buon piede si prende la responsabiltà di lanciare nella metà offensiva. Attenzione a non rimanere troppo arretrato.

Marciano 6,5: costante. Lavora per la squadra ma non supera spesso il centrocampo. Quando si affaccia, però, è pericoloso: suo il tiro che verso la metà del secondo tempo risveglia Conti dal  torpore. Quando c’è un pericolo, è meglio spazzarla via.

Pes 6.5: roccioso. Lotta su ogni pallone con grinta. Quando  riconquista la sfera è difficile strappargliela e non esita a partire dalle retrovie quando non trova spazi. Attenzione a non essere troppo irruento.

Micheletti 6/7: impavido. Forse è proprio lui a creare il maggior numero di problemi. Un paio di tiri nel primo tempo e un ottimo taglio nel secondo lo annoverano nella classifica dei “must” di questa squadra. Deve però gestire la palla con più calma.

Bolonotto 6/7: bandiera. Tiene alto l’onore della squadra evitando la catastrofe del cappotto. Fa muovere i suoi fungendo da ponte tra la difesa e l’attacco. Riceve e imposta caparbiamente anche se talvolta ha troppa fretta e non imbecca il compagno.

Gasco 6/7: “spisso”. Cerca di tenere alta la squadra facendo da sponda e spesso gli riesce bene. Marcarlo non è impresa semplice. Nei contrasti aerei è il “number one” ma gli serve maggior precisione in fase d’impostazione.

20141007_150757

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Potrai visualizzare la lista dei cookies attivi e revocare il consenso collegandoti alla pagina http://ilsalice.liceovalsalice.it/cookie-policy/. Per maggiori informazioni leggi la nostra Cookie Policy.

Chiudi