• martedì , 24 Novembre 2020

Posh, le tasche vuote dei ricchi

Sullo sfondo della rinomata università di Oxford, i due moderni sex symbol Max Irons e Sam Claflin vestono i panni di due giovani facoltosi (Miles Richards e Alistair Ryles) accomunati dal nobile lignaggio ma contrapposti dall’umiltà del primo e la superba ostentazione del secondo.

I due protagonisti Sam Claflin (a sinistra) e Max Irons
(a destra) con Douglas booth  (in centro)

Nonostante le divergenze, i due giovani si ritrovano legati dall’esclusivo e prestigiosissimo Riot Club, fondato nel 1776 a celebrazione di uno degli studenti più libertini di Oxford deciso a colmare il vuoto lasciato da due membri usciti l’anno precedente.

La maggior parte della narrazione di Posh, tratto dalla piece teatrale di Laura Wade (The Riot Club), si svolge attorno a uno degli eventi simbolo della confraternita: un banchetto che non si limita ad essere un luogo di condivisione, di scambio e di divertimento, ma che diventa un trionfo di eccessi, sbornie e puro edonismo che sfocerà in una climax ascendente di violenza prima verbale e poi fisica.

04

La scena del banchetto è il fulcro dell’azione filmica

Nonostante il talento delle tre star emergenti Max Irons, Sam Claflin e Douglas Booth (che interpreta lo scellerato senza scrupoli Harry Villers), l’azione filmica si limita a descrivere l’aristocrazia inglese fedele agli stereotipi, senza dare troppo spazio all’amara riflessione che naturalmente si genera nello spettatore a proposito dell’idea che la vita dell’uomo sia costruita esclusivamente in base e in funzione del denaro.

I giovani che ci sono presentati nel film si spogliano di tutti i valori per seguire fedelmente soltanto la legge dei soldi: sentendosi all’apice dell’umanità precipitano nei più bassi recessi della corruzione, ritenendo le classi inferiori inutili piaghe alla stregua di parassiti, ma perdendo nei loro confronti ogni qual tipo di umanità.

posh-lone-scherfig

I dieci membri del Riot club prima del banchetto

Questi adolescenti viziati e presuntuosi presentano, portandolo all’esasperazione, l’amaro concetto che da sempre ha accompagnato l’umanità: un uomo che seppellisce i valori morali sotto le grandi ricchezze diventa schiavo di esse, sentendosi libero in una prigione di fragili e futili vanità. Sacrificando ciò che più lo rende umano, per abbracciare ciò che più lo accomuna alle bestie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Potrai visualizzare la lista dei cookies attivi e revocare il consenso collegandoti alla pagina http://ilsalice.liceovalsalice.it/cookie-policy/. Per maggiori informazioni leggi la nostra Cookie Policy.

Chiudi