• venerdì , 19 ottobre 2018

2 sc S.A. – 1 sc S.A. 3-3

Partita molto tecnica e combattuta quella svoltasi quache giorno fa nel campo di Valsalice. La Seconda scientifico è stata quella a soffrire di più durante il match, ma i più giovani con una caparbietà ammirabile hanno avuto la forza di reagire e di trovare il pareggio quasi all’ultimo minuto.

RETI: Simon, Marasà (2), Aimone, Viarengo (2)

AMMONITI: Longhin, Lazzarin, Mozzati, Tittota

ESPULSI: Tittota

 

20141009_1550592 SCIENZE APPLICATE

COLLI: 6 NATURALIZZATO dalla sua area passano le occasioni migliori della partita. Sui tiri che richiedevano la sua imponenza e la sua altezza arriva, ma manca ancora l’agilità e il brio del vero portiere.

MOZZATI: 6 ½ GLADIATORE la sua grinta e il suo fisico danno sicurezza al reparto difensivo e la sua corsa gli permette di sventare ottime occasioni da goal. L’unico punto debole è la cattiveria agonistica troppo eccessiva che gli costa un giallo a metà primo tempo.

DI MAURO 6 ½ BALUARDO in difesa c’è sempre il suo fisico a prevalere in tutti gli scontri avuti con i primini nella sua area di rigore; provvidenziali i lunghi rinvii mal sfruttati dal compagno Longhin.

LAZZARIN 5 ½ SPUNTATO in difesa copre abbastanza bene la sua fetta di campo, ma in modalità di finalizzatore e di regista ha davvero ancora molto da imparare. La nota dolente della sua prestazione è una grandissima occasione da goal sprecata a fine secondo tempo.

FERRI 4/5 STATICO non riesce ad esprimere le sue qualità in mezzo al campo e sbaglia controlli e passaggi elementari. Si fa rubare la palla troppe volte innescando contropiedi pericolosi da parte degli avversari. Giornata no oggi per lui. (NADA 6+ MINA VAGANTE sostituisce lo sfortunato compagno e subito si mette in mostra con passaggi e scatti sulla fasci. Un peccato le molte occasioni sprecate davanti alla porta che potevano regalare ai suoi compagni la gioia del goal)

LONGHIN 6- SPRECONE corre come un matto mettendo cuore ed anima nei suoi scatti ma spreca troppe occasioni, chiarissime, da goal. Serve troppo poco i compagni cercando molte volte la conclusione personale. Da ammirare la grinta che mette nel suo gioco.

AIMONE 7 CAPARBIO gestisce il centrocampo della sua squadra con una naturalezza sconvolgente e si intende quasi alla perfezione con il suo compagno di reparto Viarengo. Ottimo gesto tecnico nell’azione che gli vale il gol.

VIARENGO 6/7 DECISIVO fa fatica a intendersi con i suoi compagni ad eccezione del suo compagno di reparto e spreca molte occasioni sotto porta. Molta fortuna nel rigore che riaccende le speranze della sua squadra e magnifico il pallonetto che strappa via la vittoria alla prima e che regala il pareggio alla sua squadra.

20141009_155044

1 SCIENZE APPLICATE

NENCIONI 7 SUPERBO anche se poco impegnato, si fa trovare sempre pronto e reattivo respingendo anche un rigore che avrebbe permesso agli avversari di agguantare il pareggio. Incolpevole sui 3 goal subiti.

HALMAGHI 6/7 MURO con il suo fisico possente e la sua altezza ciclopica si impone in molti duelli fisici con gli avversari, sventa molte occasioni che avrebbero potuto rivelarsi pericolose. Da perfezionare i rinvii.

DANNA 6 IN RODAGGIO la grinta e le caratteristiche del buon difensore ce le ha tutte, ma deve perfezionare molto la tecnica e i passaggi perché le maggiori occasioni avversarie sono dovute anche ai suoi passaggi poco precisi. In fin dei conti una performance positiva.

SIMON 7 CECCHINO anche se dalla sua aria molto bonaria non si direbbe, questo ragazzo ha molta grinta agonistica e un tiro che fa tremare più volte le fondamenta della difesa avversaria compie dei gesti tecnici e dei passaggi veramente strabilianti; ottimo il suo tiro che apre le marcature della sua squadra.

BOSCO 5/6 DECRESCENTE  nei primi minuti sembra avere la situazione sotto controllo, ma dopo il primo quarto d’ora già non sembra a suo agio tra i giganti della Seconda.

RITOTA 6+ INSTANCABILE corre per tutto il campo e innesca ottime azioni da goal, utilizza il suo fisico possente in modo strabiliante per sottrarre agli avversari il pallone. Da rimproverare la frequenza dei falli e l’espulsione più che superflua.

NIGRA 6 PLAYMAKER fa zig-zag tra gli avversari in tutto il centrocampo ma riesce a farsi notare poco nelle occasioni da goal non sfruttando la sua incredibile altezza.

MARASA’ 7 AUTOTRENO corre sulle fasce e in pochi lo fermano nel bel mezzo delle sue galoppate, subisce degli interventi abbastanza duri ma non è mai per terra né si lamenta. Fondamentali i suoi due goal che portano la sua squadra in un costante vantaggio che dura quasi tutta la partita.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Potrai visualizzare la lista dei cookies attivi e revocare il consenso collegandoti alla pagina http://ilsalice.liceovalsalice.it/cookie-policy/. Per maggiori informazioni leggi la nostra Cookie Policy.

Chiudi