• mercoledì , 23 Settembre 2020

Selfie per tutti

Il selfie è il termine americano usato per descrivere il più comune “autoscatto”.

Questa ormai moda è nata dopo la notte dell’Oscar 2013, quando un gruppo di attori decise di ricordare quello splendido momento con un selfie.

1

Come si può notare, in questi autoscatti si tenta sempre di mostrare il meglio di sé, e quindi perché mai mettersi in posa e cercare di venire il meglio possibile? No, è più semplice fare facce strane e buffe, al punto di rivelarsi più ridicoli che mai. Da qui nascono le varie “duck-face”, pose (utilizzate soprattutto dalle donne) che prevedono uno strano posizionamento delle labbra che si rivelano più simili che mai a dei canotti da mare.

Il selfie non comprende solamente la branca delle immagini effettuate con la fotocamera interna del cellulare, ma gli si può attribuire anche l’ “autoscatto” davanti allo specchio.

Quest’ultimo tipo di selfie è molto in voga tra i ragazzi, anche se non mancano le prese in giro dal popolo del web: data ormai la grandezza degli ultimi smartphone, questi ragazzi si divertono (e ci fanno divertire) a imitare la gente che si fa i selfie allo specchio, con oggetti tecnologici di grandezza smisurata.

2

Il selfie però è anche un buon metodo per immortalare sul momento un evento positivo, piacevole: molte persone infatti si scattano selfie quando incontrano persone famose, quando stanno visitando delle città e vogliono immortalarsi con il monumento tipico di queste, o più semplicemente per rispondere all’amico che ti chiede “Dove sei?”, “Cosa stai facendo?”.

Qualche tempo fa ha spopolato su un famoso social network, Instagram, un selfie di un ragazzo nel momento in cui l’ormai ex capitano del Chelsea Frank Lampard calciava e segnava un rigore decisivo nella partita Chelsea-Stoke City.

3

Si è dunque capito che ormai il selfie è di comune uso, una nuova moda: tutti ormai lo fanno, dal più ricco al più povero, dal Presidente del Consiglio al comune ragazzo che vive in città.

La maggior parte dei ragazzi però si scatta dei selfie quando non sa cosa fare anziché cogliere l’attimo, anziché darsi da fare per produrre qualcosa di buono, anziché vivere.

Farsi i selfie può essere divertente, ma può anche diventare il simbolo di una regressione dell’umanità degenerando, spesso, in qualcosa di stupido e di poco gusto, come chi si immortala davanti ad amici o parenti defunti.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Potrai visualizzare la lista dei cookies attivi e revocare il consenso collegandoti alla pagina http://ilsalice.liceovalsalice.it/cookie-policy/. Per maggiori informazioni leggi la nostra Cookie Policy.

Chiudi