• sabato , 31 Ottobre 2020

Expo, aspettative e polemiche

Il primo maggio si è svolta la cerimonia di inaugurazione dell’Esposizione Universale che l’Italia ospiterà fino al 31 ottobre 2015. “Nutrire il pianeta, energia per la vita” è il tema al centro della manifestazione, il filo logico che attraversa tutti gli eventi organizzati nel sito espositivo.

Uno dei principali obiettivi dell’Expo sarà infatti quello di garantire un’alimentazione sana a tutti gli abitanti del pianeta ed eliminare la malnutrizione che oggi affligge milioni di persone nel Terzo Mondo e non solo. Expo Milano sarà l’occasione per riflettere e confrontarsi sui diversi tentativi di trovare soluzioni alle contraddizioni del nostro mondo: se da una parte c’è ancora chi soffre la fame, dall’altra c’è chi muore per disturbi di salute legati a un’alimentazione scorretta e troppo cibo.

FOTO TRE

L’alimentazione sostenibile è senz’altro uno dei problemi più urgenti che l’essere umano è tenuto a risolvere se vuole assicurare un futuro dignitoso alla propria civiltà. In quest’ottica l’Esposizione Universale può rappresentare la piattaforma di discussione ideale nella quale lanciare nuove sfide al fine di salvaguardare la biodiversità ma tutelando anche le tradizioni e le culture dei popoli.

In sintesi, le aspettative riposte possono essere racchiuse nella citazione di Valerio Neri, direttore generale di Save the Children (Organizzazione dedicata dal 1919 salvare i bambini e tutelarne i diritti): “L’Italia, come paese ospitante dell’Expo, dovrà essere in prima fila impegnandosi nei confronti degli altri Governi e alle Nazioni Unite, per far sì che questa Esposizione lasci un’eredità concreta e un messaggio politico di forte cambiamento per la vita di milioni di persone”.

FOTO QUATTRO

Tuttavia non mancano le critiche in quanto questo grande evento, promotore di valori quali etica, impegno sociale, ecologia viene sponsorizzato da grandi multinazionali che adottano politiche aziendali incompatibili con questi propositi. Inoltre bisogna tenere in considerazione il danno provocato all’ambiente dalle colate di cemento utilizzate per allestire l’intera area espositiva, così come altre polemiche hanno interessato la gestione delle assunzioni dei lavoratori, caratterizzate da irregolarità nei contratti e nelle retribuzioni.

FOTO UNOJPG

Rimane l’auspicio che la manifestazione si possa realmente rivelare un contesto in cui le fondamentali tematiche saranno poste in maniera efficace ed imparziale all’attenzione del mondo.

FOTO DUE

Poiché il cibo soddisfa un nostro bisogno primario, deve rappresentare un diritto universale, riconosciuto e garantito: questa è una delle sfide più importanti del nostro tempo, come ha affermato, in occasione dell’Indipendence Day, il Presidente americano Barack Obama che ha così esordito: ”Tutti hanno diritto a un cibo buono, sicuro e sano”.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Potrai visualizzare la lista dei cookies attivi e revocare il consenso collegandoti alla pagina http://ilsalice.liceovalsalice.it/cookie-policy/. Per maggiori informazioni leggi la nostra Cookie Policy.

Chiudi