• mercoledì , 23 Settembre 2020

Sperimentare il lavoro

Tra i ragazzi che quest’anno, hanno sperimentato per la prima volta il mondo dell’occupazione all’interno del progetto di alternanza scuola lavoro, il Salice ha deciso di intervistare Alessandra Morato di 3 scientifico A. Alessandra in quella settimana si è recata a Villa Ida,una casa di cura di Lanzo, dove ha potuto sperimentare com’è la vita lavorativa nell’ambito sanitario.

Che cosa facevate, come si svolgevano le vostre giornate? 

La mattina facevamo i giri per le camere con i medici. Con i pazienti avevamo un approccio medico: a ciascuno di loro, accompagnati sempre dai dottori, presentavamo la loro situazione, ossia come stavano, perchè erano ricoverati, cosa si doveva fare per migliorare e se ci fossero o meno margini di guarigione. Il pomeriggio invece facevamo attività con i logopedisti e fisioterapisti. Siamo stati trattati da adulti, è stato molto bello imparare come si prendeva la pressione, come si facevamo gli esami e portare il camice bianco. Il fatto poi di essere solo in due ci ha permesso di essere sempre seguiti e dunque di imparare ancora di più.”

ddddddddddddddddd

Hai trovato utile questa esperienza?

All’inizio ero scettica, pensavo non servisse e che fosse una perdita di tempo. Ma una volta arrivata a Villa Ida mi sono subito ricreduta e questa settimana mi ha permesso di avere ancora di più le idee chiare sul mio desiderio di fare medicina. Non sapevo cosa aspettarmi una volta là, ma di sicuro volevo che fosse una bella esprienza e adesso con convinzione posso dire che lo è stata.

parco1

E’ stato funzionale alla tua crescita e ad una tua scelta futura?

“La medicina mi è sempre piaciuta, ed è per questo che ho indicato come preferenza per i diversi stage di lavoro l’ambito sanitario. Ero tuttavia convinta di non farcela nel senso pratico, avevo paura di non essere in grado di stare con i pazienti. Ma una volta arrivata, il timore è scomparso ed è subentrata solo la voglia di essere d’aiuto a quelle persone. E’ stata una conferma di quello che avrei voluto fare dopo il percorso liceale. Sono stata molto contenta, ho imparato molte cose dal punto di vista  pratico e umano. Ho imparato meglio ad approcciarmi con i malati, a saper rispettare i loro problemi, non invadendo i loro spazi, ad essere pronta ad ascoltare quando il paziente se la sentiva di parlare, a stare invece  in silenzio e a non insistere nel momento in cui  il paziente non voleva. Posso dire che è stato assolutamente funzionale alla mia crescita e che lo rifarei ancora e ancora.

7-casa-di-cura-montanari

Ti è servita la tua esprienza scolastica per svolgere al meglio la settimana?

Penso che ci siano certe cose che la scuola non mi possa insegnare. Mi può insegnare come mi devo comportare, essere gentile, fare domande se non ho capito al fine di imparare nuove nozioni, ma non altro in questo caso.

Qual è il tuo punto di vista riguardo l’alternanza scuola lavoro?

Inizialmente pensavo che non sarebbe stata molto utile. Ora invece posso dire che questa esperienza ci permette di sperimentare il mondo lavorativo sulla nostra pelle, operando in uno specifico settore. Di avere così le idee più chiare per la scelta della facoltà futura. Questa settimana a me ha permesso, avendo visto neurologi e fisioterapisti, di capire meglio quale specializzazione vorrò scegliere. Di sicuro per ora posso dire che non vorrei fare altra facoltà che medicina e rifarei tutto da capo.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Potrai visualizzare la lista dei cookies attivi e revocare il consenso collegandoti alla pagina http://ilsalice.liceovalsalice.it/cookie-policy/. Per maggiori informazioni leggi la nostra Cookie Policy.

Chiudi