• mercoledì , 22 agosto 2018

Le bellezze del Classico

Kalós kaì agathós. Bello e buono. È questo che ci insegna il liceo classico: trovare la bellezza , e quindi la bontà, in ogni essere vivente. È bello pensare di poter tradurre pensieri di persone vissute duemila anni fa e scoprire che sono ancora attuali, e tutt’ora pilastri della nostra società. È bello saper di poter formulare anche solo poche frasi in una lingua antica che ormai nessuno parla più ed è bello poter avere varie opinioni sui grandi avvenimenti della storia antica mediante il pensiero di filosofi e storici.

classico

Nonostante tutto quello che questo indirizzo può insegnare, la prima cosa che viene in mente quando si parla del liceo classico sono il Greco e il Latino, principalmente in senso negativo. Infatti uno dei più ricorrenti luoghi comuni sul classico è l'(in)utilità di studiare lingue morte che invece possono aiutare nel comprendere l’origine della nostra lingua. Essendo reputata una delle scuole più difficili e impegnative, il classico ha, gradualmente diminuito le proprie iscrizioni, mentre con voglia e costanza nello studio, è accessibile a tutti.

Se si chiede ad uno studente del liceo classico il perché della sua scelta scolastica, non si può ottenere un’unica risposta. C’è chi dice che apre la mente, chi afferma che prepara per qualsiasi università o addirittura chi pensa che imparare il Latino e il Greco sia importante.

“Se la vostra ispirazione è studiare qualcosa di concreto, formule e funzioni, allora lo scientifico fa per voi, ma se aspirate a studiare  concetti astratti, la scelta migliore è il classico.” È  questo ciò che il prof. Marco Fanelli ha detto ai ragazzi delle terze medie l’anno scorso, ed è proprio così. Questo indirizzo   insegna a trovare il concreto anche in ciò che, apparentemente, sembra astratto. Anche Massimo Gramellini pensa che il Latino e il Greco siano fondamentali per chiedersi il perché delle cose e che “chi impara a districarsi fra Tacito e Platone assimila una tecnica che potrà applicare a qualunque ramo del sapere e della vita.”

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Potrai visualizzare la lista dei cookies attivi e revocare il consenso collegandoti alla pagina http://ilsalice.liceovalsalice.it/cookie-policy/. Per maggiori informazioni leggi la nostra Cookie Policy.

Chiudi