• giovedì , 3 Dicembre 2020

La modernità del mito

Il mito è una tra le prime forme di narrazione conosciute. Esistono tante mitologie quanti sono i popoli che hanno abitato e abitano la terra. La mitologia a noi più vicina e familiare è quella greca. Tutte le civiltà del mondo antico hanno creato racconti mitici in cui, attraverso contenuti fantastici e simbolici, hanno cercato di rispondere a domande grandi e complesse: per esempio, quali sono le origini del mondo e dell’uomo, perchè esistono il dolore e la morte; qual è il destino che attende gli uomini.

Una delle opere che concretizza la modernità del mito è “Dialoghi con Leucò” di Cesare Pavese. L’autore dei racconti si suicidò nel 1950, a soli 42 anni, in seguito a una serie di delusioni che lo portarono ad un senso di abbandono e solitudine, cifra della sua esistnza.

cesare-pavese

Uno dei racconti più interessanti è il dialogo tra Calipso e Odisseo: esso si tiene sull’isola di Ogigia quando Ulisse è in procinto di ripartire per Itaca. Emergono diversi temi: quello dell’immortalità, dell’amore egoistico e del viaggio.

L’immortalità viene spesso confusa con l’eternità. Immortale è un essere che, pur avendo avuto origine nel tempo, è destinato a superare i limiti della temporalità. Mentre eterno è un essere esistente in uno spazio di tempo senza inizio e fine, da sempre e per sempre.Odysseus_and_Calypso

L’immortalità viene vista, secondo la prospettiva di Calipso e di Odisseo, come perdità d’identità e non come immortalità fisica. La ninfa non prevede la morte, ma non consente neanche la vita. Accetta solo l’istante, senza conoscere il domani. Ed è proprio questo il dramma dell’immortalità: rifiutare la vita, esistere semplicemente. La visione dell’eroe differisce notevolmente da quella di Calipso. Egli non teme la morte poiché concquisterà l’immortalità attraverso la gloria.

L’amore tra Calipso e Odisseo è un amore egoistico. La dea prima dell’arrivo di Ulisse era infelice e sa che sarebbe ritornata tale dopo la partenza dell’amante per Itaca, perciò sì oppone fortemente a ciò. Ma se fosse stata veramente innamorata avrebbe voluto unicamente il meglio per lui, ovvero tornare a Itaca. Calipso prova a evitare in tutti i modi che ciò accada. Nella loro relazione non c’è traccia di vero amore, poiché è un amore egoistico in cui entrambi pensano solo al meglio per se stessi.Head_Odysseus_MAR_Sperlonga

Infine il viaggio non è altro che la ricerca di quello che si ha nel cuore. É sempre un viaggio interiore. Un conoscersi attraverso il mondo esterno.

Contenuto non disponibile
Consenti all'utilizzo dei cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Potrai visualizzare la lista dei cookies attivi e revocare il consenso collegandoti alla pagina http://ilsalice.liceovalsalice.it/cookie-policy/. Per maggiori informazioni leggi la nostra Cookie Policy.

Chiudi