• martedì , 11 dicembre 2018

Sogni d'Autore

Sogni d’Autore. E’ questo il titolo del libro scritto dagli studenti del Laboratorio di editoria dell’Università di Cattolica di Milano. E’ un volume che racconta le storie editoriali di 46 successi della letteratura internazionale e che riflette sulla natura dell’inconscio e sui paesaggi. Il libro viene presentato da Luigi Mascheroni e Roberto Cicala, docenti dell’Università di Cattolica e da alcuni studenti del Laboratorio di editoria. E’ diviso in sezioni, che raccontano di sogni legati all’inconscio, agli incubi, alle favole, alla magia, alla memoria, alla fantasia e al rapporto tra realtà e sogno.

IMG_1466

“E’ un “catalogo” per la letteratura, che contiene scrittori come Dickens, Buzzati, Dahl, Zafón, Cervantes e molti altri ed è importante perché dimostra che non è utile leggere dei libri, ma soltanto leggere buoni libri.” Questo è quello che sostiene il professor Mascheroni, anche se ammette che molte volte viene criticato per la sua opinione. Conclude dicendo che secondo lui è anche più bello guardare una serie tv o cercare qualcosa di divertente sul web, che leggere una grande quantità di libri: la cosa importante non è il numero, ma la qualità.

“Uno chiude dentro di sé il cancelletto della fanciullezza, ed entra in un giardino incantato”, scrive Conrad in “La linea d’ombra”. La citazione viene proposta da una studentessa, dopo la accurata descrizione della storia della sua pubblicazione. Roberto Cicala aggiunge anche che è un libro che si può trovare in un vero Salone, su un vero Amazon, che viene recensito su veri giornali.

Un’altra studentessa recensisce Don Chisciotte di Cervantes, dicendo che è entrato nella nostra società proprio come prototipo di sognatore, per le sua speranza e la sua perseveranza nell’inseguire un sogno collocato in una realtà immaginaria. Spiegando la storia editoriale, la studentessa racconta che il fascino del don Chisciotte non si ferma tra le pagine, ma approda anche al teatro, al cinema e alla musica.

Segue la presentazione de “L’ombra del vento” di Zafón, un testo incentrato sul fatto che alcuni libri vengano totalmente dimenticati e su i sogni che non si potranno mai realizzare, come quelli del protagonista.

Un altro dei libri è “Il GGG” di Roald Dahl, un romanzo rivolto soprattutto ai bambini e i ragazzi, che tratta di un gigante buono che “soffia” i sogni dei bambini durante la notte.

La vita è questo: nebbia. La vita è una nebulosa, e ora sorge da essa Eugenia.” Questo è un estratto dell’ultimo dei libri recensiti, “Nebbia” di Miguel de Unamuno: viene definito come un “romanzo senza cravatta”, spigliato, che fonde realtà e finzione avvicina l’autore al protagonista, il quale vive tra l’inettitudine di Svevo e una sovrapposizione di piani di Pirandello.

Così si conclude la presentazione di un libro che fonde in sé i sogni, le realtà e i paesaggi dei volumi più importanti della letteratura internazionale.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Potrai visualizzare la lista dei cookies attivi e revocare il consenso collegandoti alla pagina http://ilsalice.liceovalsalice.it/cookie-policy/. Per maggiori informazioni leggi la nostra Cookie Policy.

Chiudi