• venerdì , 30 Ottobre 2020

To Share

di Andrea Durando

L’imperativo dell’ultima generazione ormai presente tra giovani e non, é solo uno: condividere.

In un mondo ormai evoluto, ci ritroviamo sempre più spesso a cliccare sul termine “share“. Sono stati i Social Network ad aver creato il piacere, o forse bisogno, della condivisione. Condividiamo post su Facebook e Twitter che parlano sia  di contenuti ridicoli ma sia seri programmi di tipo politico. Condividiamo foto su Instagram e Snapchat che spopolano anche tra VIP, permettendoci di avere una telecamera sulle loro vite ed abitudini quasi 24 ore su 24. Condividiamo pareri e consigli su TripAdvisor dopo notti trascorsi in hotel di lusso a o dopo una tanto sognata cena da Cracco ma ugualmente sono popolari e recensiti anche la pensione Teresa del paesino di  Laigueglia e magari anche il Kebabbaro di fiducia di Torino… Ce n’è per tutti i gusti!

Hand writing Time to Share concept with blue marker on transparent wipe board.

Ma il concetto “to share” non si limita solo al mondo dei Social e può essere tranquillamente definito uno stile di vita. È così che é nato il “Car Sharing” e aziende come car2go ed Enjoy si sono impossessate di una grossa parte di mercato. Il “Car Sharing” consiste nella possibilità di utilizzare le automobili messe a disposizione senza il bisogno di avere un’auto propria. Bisogna ovviamente aver la patente, iscriversi al servizio pagando una piccolissima quota e scaricare l’app sul proprio smartphone. Poi é semplicissimo! Si prenota l’auto cercando la più vicina a dove ci si trova grazie ad una mappa, si paga con la carta di credito collegata al proprio account e quando si é arrivati a destinazione si parcheggia normalmente.  I vantaggi? Non si pagano i parcheggi, non si paga la benzina, i permessi per le zone a traffico limitato ( ZTL); inoltre il servizio funziona in più città, anche all’estero e le tariffe sono sicuramente più vantaggiose di quelle dei taxi!

IMG_7010

Anche se settembre si sta avvicinando sempre di più e ormai si sentono già le pressioni della scuola e del lavoro, non smettiamo di sognare e per iniziare a fare progetti per le prossime vacanze di Natale abbiamo a disposizione un altro strumento in più, anche questo di condivisione, “Airbnb“. Quando si viaggia in un gruppo di amici numeroso e occorrono più letti, l’hotel può rivelarsi una scelta non troppo conveniente… affittare una casa risulta invece complicato se si vuole stare solo una o due notti… Insomma, “airbnb” rappresenta  comoditá e convenienza e ancora una volta questo tipo di condivisione permette di soddisfare ogni tipo di esigenza, dalla soluzione più economica al soggiorno di lusso. Si parla di condivisione perché attraverso il sito di “airbnb” é possibile scegliere una destinazione in qualsiasi posto del mondo e verificare la disponibilità di affittare a determinati prezzi a notte appartamenti privati, ville oppure singole camere in appartamenti già abitati. Ma i servizi di condivisione non finiscono qui! Ce ne sono tantissimi. Tocca a voi scegliere i  più vantaggi possibili risparmiando tempo e denaro…

Parola d’ordine? To share!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Potrai visualizzare la lista dei cookies attivi e revocare il consenso collegandoti alla pagina http://ilsalice.liceovalsalice.it/cookie-policy/. Per maggiori informazioni leggi la nostra Cookie Policy.

Chiudi