• lunedì , 28 maggio 2018

Come evitare la guerra Corea del Nord – USA

La situazione nella penisola coreana – e il rischio di una terza guerra mondiale – è la questione più tesa e pericolosa che l’umanità attualmente affronta. Al vertice del problema ci sono due pazzi: “Rocket Man” e “Dotard”, come si definiscono l’un l’altro Donald Trump e Kim Jong-Un.

Il presidente degli Stati Uniti è irremovibile: non annullerà i giochi di guerra così provocatori al leader nordcoreano, mentre chiede al suo avversario di rinunciare al suo arsenale nucleare. In risposta, Kim urla che non parlerà con Trump mentre gli esercizi militari vengono condotti nella porta accanto, e il suo paese non rinuncerà mai al suo deterrente nucleare.

Kim Jong-Un accelera da una direzione, sfidando Trump e la comunità internazionale con i suoi test di bombe e missili. Il suo test nucleare più recente, oltre dieci volte più potente di quello che ha raso al suolo Hiroshima, è stato accompagnato da rapidi aumenti sia nei tipi che nelle capacità dei suoi missili. Questo progresso è dato dal maggior numero di test missilistici nel corso del suo mandato rispetto a tutti quelli condotti dai precedenti dittatori nordcoreani (86 su 117 test missilistici sono stati provati durante la sua dittatura).

Trump sta accelerando dall’altra direzione. Sta svolgendo esercitazioni militari in netto contrasto con gli avvertimenti da parte della Russia e della Cina, secondo cui questi esercizi sono, agli occhi della Corea del Nord, sempre più difficili da distinguere dagli attacchi reali. Questo stesso problema ha quasi portato a una guerra nucleare tra Stati Uniti e Unione Sovietica nel 1983.

Le esercitazioni militari che hanno causato ogni anno difficoltà alla Corea del Nord (e potrebbero essere state determinanti nel creare il proprio deterrente nucleare) hanno raggiunto il picco nel 1990. Il numero e la portata di questi esercizi sono rapidamente diminuiti con il primo accordo sul controllo nucleare del 1994. I giochi di guerra si sono riaccesi solo dopo che la Corea del Nord ha rotto l’accordo e testato la prima bomba nucleare nel 2006.

Gli esercizi attuali includono numeri di truppe e aerei che sono uguali o addirittura superano i livelli storici. Inoltre, esercitazioni per attacchi nucleari, stato di preparazione, una sequenza quasi continua di routine militari e una nuova generazione di armi stanno portando i livelli di stress alle stesse altezze, se non superiori, dei momenti più tesi della Guerra Fredda.

Anche se sembra che nessuna delle due parti intenda entrare in collisione con l’altra, non è stata applicata nessuna delle misure di salvaguardia o di costruzione della fiducia che hanno impedito il conflitto accidentale durante la Guerra Fredda. Non esiste una linea diretta per i leader per comunicare direttamente tra loro.

Vi è una trasparenza minima, poca condivisione delle informazioni e ci sono osservatori indipendenti, in modo da non fraintendere o lasciarsi spaventare dai giochi di guerra, dai missili o dai test nucleari della controparte. Ma nessuna delle due potenze è prevedibile, né sono state inequivocabili nell’impostare le rispettive linee rosse. Nessuna parte è sincera, si fida dell’altra o comunica con rispetto. La ricetta per la guerra è quasi perfetta.

In questa atmosfera molto tesa, sia la Russia che la Cina stanno proponendo alle due parti un accordo di “congelamento per congelamento” o “doppia sospensione”; la Corea del Nord congela sia le esplosioni nucleari che i test missilistici, e in cambio, gli Stati Uniti e i loro alleati sospendono le esercitazioni militari su vasta scala che la minacciano.

Kim Jong-Un sa che il “freeze-for-freeze” è la sua migliore opzione. Ora ha armi nucleari molto potenti e forse i missili necessari per consegnarli. Il suo obiettivo complementare è quello di garantire la sopravvivenza del suo regime, e congelare lo status quo lo garantirebbe. È anche consapevole che gli americani hanno fermato o ridotto i loro giochi di guerra negli anni ’90 per aprire la strada all’accordo originale con la Corea del Nord sulle armi nucleari.

Gli americani non la vedono allo stesso modo. Sanno che la Corea del Nord si è lamentata e ha minacciato le loro esercitazioni militari per decenni. Ricordano anche che l’ultima volta che hanno sospeso le loro esercitazioni militari, i nordcoreani hanno tradito gli impegni reciproci che avevano assunto. Gli americani sono anche consapevoli che, per quanto provocatorie siano le loro esercitazioni militari, non sono illegali e, rispetto al programma nucleare della Corea del Nord, non violano la volontà della comunità internazionale. Per Trump, accettare il congelamento dei giochi di guerra sarebbe premiare il cattivo comportamento di un regime che ora sta promettendo di distruggere le città nel continente americano.

Nonostante si tratti di un punto fermo su questo tema, di fronte a un possibile conflitto nucleare, il presidente degli Stati Uniti non dovrebbe abbandonare l’opzione “congelamento per congelamento”. Ogni opzione per evitare la guerra deve essere completamente esplorata. I militari più esperti del mondo potrebbero continuare a prepararsi in qualsiasi altro teatro, eccetto la vicina Corea del Nord.

Allo stesso tempo, ulteriori schieramenti di difesa missilistica potrebbero essere ancora possibili in Corea del Sud senza violare le condizioni di un affare di congelamento.

Tutto ciò che potrebbe essere concordato in un congelamento temporaneo non pregiudicherebbe il più ampio accordo possibile con la Corea del Nord.

Nemmeno una misura di sicurezza temporanea è l’ideale, ma è molto meglio dell’unica certezza che abbiamo di fronte: due treni che deragliano l’uno contro l’altro.