• mercoledì , 12 Dic 2018

Bufale e come evitarle

Parola dell’anno secondo il Collins Dictionary, nuova voce di Wikipedia, l’espressione “fake news” è diventata protagonista fissa del dibattito odierno.
8,8 milioni di italiani sono state vittime delle cosiddette bufale, e secondo recenti sondaggi anche la stragrande maggioranza dei nativi digitali ammette di avere difficoltà a riconoscere la veridicità di una notizia.

 Gli zelanti redattori del Salice, sorpresi dalla enorme importanza di questo fenomeno, hanno deciso di approfondire l’argomento.
Guidati dalle osservazioni della giornalista Lucia Caretti, abbiamo stilato un elenco di “7 regole d’oro” per difendersi dalle fake news.
Fieri del lavoro compiuto, abbiamo poi presentato i risultati ai nostri compagni delle medie, coinvolgendoli con una presentazione power point e numerosi indovinelli.
Per non farci mancare nulla, il tema delle bufale è stato poi presentato a tutta la scuola con un gioco a quiz nella serata della nostra festa di Natale.


Negli anni in cui il 70% degli italiani si informa prevalentemente su internet non è raro imbattersi in notizie false, ma con i giusti accorgimenti queste possono facilmente venire smascherate.


Regola n 1: ANDARE OLTRE AL TITOLO.
Può sembrare scontato, ma spesso per la fretta ci si ferma alla lettura del titolo consigliato dal telefono lasciandocisi trarre in inganno.
Infatti -soprattutto se la notizia è troppo eclatante per sembrare vera- è bene continuare a leggere per accertarsi che il testo non sia infarcito di bufale.
Talvolta poi, può capitare addirittura che il titolo sia completamente slegato dal resto dell’articolo.
Sempre dubitare quindi delle notizie troppo inverosimili o costruite per concordare con la visione di tutti.

Regola n 2: VERIFICARE L’AUTORE.
Bisogna stare attenti e non confondere post di blog (anche molto famosi) con gli articoli delle penne professioniste dei giornali.


Regola n 3: LA DATA DI PUBBLICAZIONE.
Può capitare che alcuni eventi di cronaca si evolvano nel tempo e che i dati che li riguardano cambino anche sensibilmente. Alcune fake news infatti non sono altro che le precedenti versioni di articoli di cronaca ora aggiornati. Non sempre i giornali modificano i pezzi, bensì tendono per semplicità a pubblicarne di nuovi.


Regola n 4: ELEMENTI DELL’ARTICOLO.
È bene prestare attenzione al contenuto dell’articolo.
Non è raro che i link proposti rimandino a siti falsi o pieni di virus, soprattutto sono da ritenere non affidabili le estensioni in .lo (che mischiano notizie vere a quelle false) e .com.co (che puntano a imitare le notizie delle grandi testate).
È anche possibile che le citazioni o le fotografie siano inventate o non autentiche.
Si riesce facilmente  a tagliare la parte di un discorso estrapolando le frasi utili alla notizia da costruire, e altrettanto facilmente con applicazioni come Photoshop si possono editare le foto a proprio piacimento – alcune piattaforme come Google o Tineye sono però in grado di rilevare queste modifiche.

Regola n 5: VERIFICARE LA DIFFUSIONE DELLA NOTIZIA.
Se molte testate (soprattutto quelle più autorevoli) riportano la stessa notizia, significa che è probabilmente veritiera. Al contrario, se è solo un sito a proporla la veridicità non è più così sicura ( a meno che tutti gli altri giornali non abbiano preso un clamoroso buco).
È bene ricordare che può capitare anche ai giornali più importanti di sbagliare, il quotidiano “La stampa” nel 2017 riportò ad esempio la notizia che l’ISIS uccidesse tutti i gatti delle città del califfato, ma si rivelò una bufala e la redazione chiese immediatamente scusa.

20 giugno 2013. Molti quotidiani italiani scrivono di un progetto di “uccidere Obama con i raggi X” sventato dall’FBI che ne ha arrestato gli autori. La storia dell’arresto e del progetto è vera, ma il piano – in prima pagina sul Corriere della Sera, per esempio – è stato già giudicato completamente implausibile dalle autorità americane.

Regola n 6: NON CONDIVIDERE LE BUFALE!
Le notizie false circolano –agevolate dalla rapidità del web – grazie alla condivisione di utenti che non si sono resi conto della loro inesattezza. Pettegolezzi e voci di corridoio rischiano di trasformarsi assai velocemente in notizie che fanno scalpore in tutto il mondo per rivelarsi poi totalmente inesatte.


Regola n 7: VERIFICARE LE FONTI.
La “golden rule”, signora di tutte le regole.
Diffidare di siti poco autorevoli o delle prime notizie che si leggono sullo smartphone, prese da chissà quale blog, e cercare invece le pagine web dei giornali più importanti, come “La stampa”, “Il corriere della sera” o “la repubblica “.
Evitare assolutamente siti come “il corriere della notte” o “il matto quotidiano “ che, imitando i nomi delle grandi testate, diffondono unicamente bufale.
Nonostante un anno di dibattito globale, anche se i proprietari delle grandi piattaforme online sono stati obbligati a intervenire chiudendo siti o blog che mentono sulla loro finalità o costruiti solo per ottenere click, spetta ai lettori imparare a difendersi dalle fake news e a navigare consapevolmente.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Potrai visualizzare la lista dei cookies attivi e revocare il consenso collegandoti alla pagina http://ilsalice.liceovalsalice.it/cookie-policy/. Per maggiori informazioni leggi la nostra Cookie Policy.

Chiudi