• giovedì , 20 settembre 2018

Io mi dilettava di guardare

Da tre anni nel dna del Classico c’è un filamento che porta all’arte e al cinema. La Seconda Classico B ha partecipato al concorso ravvenate dantesco con il progetto valido anche per il percorso di alternanza scuola lavoro dal titolo “Io mi dilettava di guardare“. Dante guarda il mondo ultraterreno e ne scopre l’aspra sofferenza, la dolente bellezza, la luminosa beatitudine. Lo sguardo nel Poeta è sempre vita, mai staticità, sempre dinamismo.

Anche quest’anno i ragazzi hanno preparato insieme il soggetto, condivido le idee, scritto la sceneggiatura. Poi, la suddivisione dei compiti, l’attribuzione delle parti, la scelta delle location e dell’oggettistica. Ore in classe, ore a casa, giorni per il girato grazie alla competenza e alla professionalità di Stefano Demarie, da tre anni al nostro fianco.

Questa volta non c’è Dante sullo schermo anche se l’occhio esperto troverà Dante nello schermo e nelle immagini, nelle parole e nelle intuizioni dei ragazzi. Questa volta si è deciso di raccontare una storia che ci dice che dal bene nasce il bene, che non si è soli anche quando lo si crede. Lo sguardo che custodisce ed accompagna senza violare la libertà. Insomma, una bella storia. Che vale la pena guardare, ovviamente dilettandosi di essa.      

Contenuto non disponibile
Consenti all'utilizzo dei cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Potrai visualizzare la lista dei cookies attivi e revocare il consenso collegandoti alla pagina http://ilsalice.liceovalsalice.it/cookie-policy/. Per maggiori informazioni leggi la nostra Cookie Policy.

Chiudi