• martedì , 18 settembre 2018

Un’estate col botto

A Rapallo l’estate inizia con i botti, letteralmente.

Come da tradizione, i primi tre giorni di Luglio il ridente comune ligure festeggia l’anniversario dell’apparizione della Madonna di Montallegro con un fittissimo programma di spettacoli e intrattenimento.

Sono migliaia i turisti che ogni anno giungono da ogni parte d’Italia – e non solo-  per partecipare ai festeggiamenti e colgono l’occasione per visitare il santuario dedicato alla Madonna, a cui è legata una curiosa leggenda.

Si narra infatti che venerdi 2 luglio 1557, la SS.ma Vergine apparve a un contadino chiedendo di essere venerata sul monte e assicurando la propria predilezione per gli abitanti di quest’angolo del Tigullio, lasciando a conferma un’icona bizantina preziosa.

Fu l’evento che riaccese la speranza nel cuore dei rapallesi, ancora scossi dall’invasione avvenuta solo otto anni prima del pirata Dragut, che aveva deportato molte famiglie ad Algeri.

Inoltre la credenza locale attribuisce proprio alla Madonna la liberazione dalla peste nel 1600 e dal colera nel 1800.

Ogni anno l’apparizione venne  festeggiata con scoppiettanti falò nelle piazze del borgo, a cui si aggiunsero le salve di “mascoli”, che oggi sono diventati spettacoli pirotecnici unici in tutta Italia.
L’Icona di Montallegro viene ben presto riprodotta sull’arco delle porte della città e, numerose edicole ed altarini dedicati alla Madonna sorgono all’esterno delle abitazioni.
Addirittura il vessillo innalzato sul castello in riva al mare insieme alla croce di Genova e alle bandiere dei sestieri reca l’effige della Protettrice dei Rapallesi.

E’una ricorrenza molto sentita in città: stand gastronomici, spettacoli e bancarelle riempono tutte le vie del paese, gremite di turisti.

In queste celebrazioni devozione e tradizione vanno di pari passo: la modernità di manifestazioni accattivanti è unita all’antica arte dei massari che già nel 1619 preparavano sparate con l’antico “mortaretto ligure”.

Si inizia alle otto di mattina del primo luglio, quando la statua d’oro e d’argento della Madonna viene “messa in cassa”, cioè collocata sull’arca argentea in chiesa.

Sul lungomare, l’evento è salutato dai colpi fragorosi (“reciammi” – richiami) dei mortaretti (mascoli) sparati dai rappresentanti di due dei sei sestieri cittadini e da una sparata di fuochi artificiali “a giorno”, a cui gli altri quattro sestieri rispondono  a colpi di mascoli.

Il giorno seguente, anniversario dell’Apparizione, a mezzogiorno viene effettuata la Sparata del Panegirico, affidata ogni anno a un diverso Sestiere: una serie di spari si rincorrono sul Lungomare fino all’esplosione simultanea di centinaia di mortaretti ( in dialetto ramadam,  “gran fragore”) che culmina in un ricchissimo spettacolo di fuochi artificiali a giorno, con polveri colorate e luci multicolori.

La serata conclusiva del 3 luglio è il momento più atteso ed emozionante: l’Arca Argentea della Madonna sfila per le vie del centro accompagnata dai portatori dei “Cristi”, pesanti crocifissi lignei sontuosamente decorati in oro e argento.

Raggiunto il lungomare, vicino al Castello ha inizio la “Sparata dei Ragazzi“, fragoroso e colorato spettacolo che culmina nel suggestivo “Incendio del Castello“: fumo rosso a simulare un incendio esce dalle finestre dell’Antico Castello mentre dal tetto cadono luminose cascate pirotecniche.

Nelle tre sere di festa, una miriade di lumini galleggianti illuminano le acque del golfo e i Sestieri si sfidano nel famoso “Palio Pirotecnico”: ogni sera maestosi spettacoli di fuochi artificiali sul mare sono il pretesto di una gara in grandiosità e splendore.Vengono chiamate le migliori ditte pirotecniche d’Italia, che mettono in campo le ultime novità e tutta la loro bravura per ottenere lo stupore e la meraviglia del pubblico, che assiste sbalordito dal Lungomare e da tutta la costa cittadina a questo spettacolo unico ed affascinante.

 

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Potrai visualizzare la lista dei cookies attivi e revocare il consenso collegandoti alla pagina http://ilsalice.liceovalsalice.it/cookie-policy/. Per maggiori informazioni leggi la nostra Cookie Policy.

Chiudi