• mercoledì , 21 novembre 2018

Un potere oltre l’estetica

di Edoardo Perosino

Si è chiusa domenica 26 agosto, a Camera ( Centro Italiano per la Fotografia) la mostra fotografica SPACE. Space non è altro che il nome con il quale è stato chiamato il settimo ciclo del concorso fotografico PRIX PICTET e del quale ne indica il tema. Il PRIX PICTET è stato istituito nel 2008 dall’omonimo gruppo per cercare di sfruttare il potere visivo-espressivo della fotografia al fine di sensibilizzare la popolazione globale sui problemi legati alla sostenibilità, specialmente quella ambientale.

Ogni ciclo è caratterizzato da un tema specifico, sulla base del quale molti fotografi internazionali si cimentano per immortalare la foto che varrà a uno di loro la vittoria di quella edizione. I sei precedenti vincitori sono Benòit Aquin (WATER), Nadav Kander (EARTH), Mitch Epstein (GROWTH), Luc Delahaye (POWER), Michael Schmidt (CONSUMPTION), Valerie Berlin (DISORDER). Per prima cosa il PRIX PICTET è riconosciuto a livello globale come la presentazione del contributo dei vari fotografi al dibattito delle sfide sociali e ambientali dei nostri giorni.

Successivamente si può fare un discorso di tipo economico. Infatti al vincitore viene garantita una somma di denaro. I requisiti per essere vincitore? Semplici. Prima di tutto, essendo un concorso fotografico, la foto deve avere un’elevata importanza artistica ed estetica ma soprattutto deve centrare pienamente il tema del ciclo per sensibilizzare l’umanità su un problema sociale.

Inoltre la foto del vincitore, insieme a quelle dei finalisti, girerà il mondo per far sosta in città importanti dove potrà svolgere il compito per il quale è stata prodotta. Proprio così è successo con la foto di Richard Mosse, annunciato vincitore di Space da Kofi Annan, presidente onorario del PRIX PICTET ed ex segretario generale dell’ONU morto di recente, e di quelle degli altri finalisti. SPACE è un tema di vasta portata che comprende argomenti tanto diversi tra loro quanto importanti per profondità sociale come la sovrappopolazione, le guerre di confine, l’inquinamento dell’aria e dei mari, gli uragani, la fragilità degli ambienti naturali. Insomma Space, e più in generale PRIX PICTET, è una realtà importante che ci mostra una parte di mondo della quale non vogliamo occuparci quando invece dovremmo, seguendo il consiglio di Kofi Annan: “Non è troppo tardi, possiamo riparare ai danni che abbiamo fatto. Se li ignoriamo, lo facciamo a nostro pericolo”

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Potrai visualizzare la lista dei cookies attivi e revocare il consenso collegandoti alla pagina http://ilsalice.liceovalsalice.it/cookie-policy/. Per maggiori informazioni leggi la nostra Cookie Policy.

Chiudi