• mercoledì , 20 Febbraio 2019

Dalla carta ad uno schermo

Da più di dieci anni è presente una discussione tra due concezioni differenti, sostenenti altrettanti modi diversi di intendere la tecnologia come supporto ideale e innovativo, in grado di sostituire gli antecedenti strumenti. La battaglia è in corso: chi vincerà la sfida tra il libro digitale e il libro cartaceo?
Anche se si tratta dello stesso titolo, per quanto bello e interessante sia, non sarà mai la stessa cosa leggerlo su un supporto cartaceo o uno digitale. Si tratta infatti di due modi diversi di leggere, entrambi con pro e contro.

QUESTIONE DI GUSTI

Non c’è dubbio sul fatto che ognuno abbia i propri gusti, che, in quanto puramente soggettivi, influenzano la nostra scelta: possiamo trovarci meglio sullo schermo di un e-reader o sfogliando le pagine di un normale libro cartaceo. In sostanza tale preferenza non deve essere presa come una questione tra vecchio e nuovo: “giovane uguale digitale” e “cartaceo uguale maturo”. Infatti, a seguito di alcuni studi condotti in diverse università americane, è risultato che le persone che leggono di più su carta sono i giovani di età compresa al di sotto dei 30 anni. Le motivazioni sono molteplici: c’è chi lo preferisce per una questione sensoriale (toccare e girare le pagine) e chi per evitare distrazioni. Soprattutto chi sta spesso online, capisce quanto semplice sia distrarsi, anche involontariamente, dal proprio lavoro e dedicarsi a qualcos’ altro: un e-reader potrebbe diventare un tranello in grado di bruciare tempo e attenzione.

DIFFERENZE SOSTANZIALI

Che leggere faccia bene alla mente è un fatto accertato, il punto che però resta ancora da capire è come la tecnologia influenzi il nostro stile di lettura, e di conseguenza il nostro apprendimento.
Alcune ricerche hanno dimostrato che la lettura su uno schermo consumi molte più energie mentali, rivelando quindi che è molto più faticoso leggere su un testo digitale che non uno su carta. Per quanto noi possiamo essere abituati a lavorare o comunque ad interagire con uno schermo, il formato cartaceo resta in media il supporto più adatto per testi lunghi e complessi.
Modi diversi di lettura presentano infatti modi diversi di ricordare le informazioni. Non c’è in assoluto una cosa migliore di un’altra, dipende sempre dall’uso che ne viene fatto.
La lettura su schermo è meno lineare e più veloce: il nostro occhio tende infatti a saltare da un punto all’altro, concentrandosi solo su alcune parole o frasi e tralasciando tutto il resto. Tendiamo quindi a perdere il contesto generale e a focalizzarci solo su quello che al momento ci sembra rilevante.
Se si vuole sfogliare una rivista o leggere un quotidiano, o comunque un romanzo leggero, con una trama semplice, probabilmente l’e-reader o il tablet sono perfetti. Se invece ci si deve dedicare allo studio o a trame complesse e intrecciate, sarebbe meglio affidarsi alla carta.
Spesso, però, per necessità o per scelta si leggono più libri contemporaneamente, i libri cartacei, in questi casi, costringono a fare una scelta, soprattutto per questione di spazio e peso. La memoria dei tablet, degli smartphone e degli e-reader, ne rappresentano la soluzione, evitando questo tipo di problema.

Bisogna guardare ai libri di carta e agli e-book come due modi diversi di leggere, due formati che possono convivere benissimo, a seconda delle situazioni. Ciò che conta è essere consapevoli di come la tecnologia influenzi le nostre vite, spesso in positivo.
La possibilità di adottare una modalità interattiva digitale per l’apprendimento, favorisce la formazione di mappe concettuali e di schemi. Con gli ipertesti e l’utilizzo dei blog, infatti, vengono utilizzati vari mezzi di rappresentazione (suoni, immagini bidimensionali e tridimensionali, animazioni, simulazioni), grazie ai quali ognuno può migliorare le proprie strategie di apprendimento.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Potrai visualizzare la lista dei cookies attivi e revocare il consenso collegandoti alla pagina http://ilsalice.liceovalsalice.it/cookie-policy/. Per maggiori informazioni leggi la nostra Cookie Policy.

Chiudi